Halestorm – Recensione: Back From the Dead

Mentre la maggior parte dei gruppi tende ad addolcirsi con il tempo e a scegliere una strada più comoda per assecondare più pubblico possibile, gli Halestorm, di album in album, aumentano decibel e aggressività, rimanendo sempre in un solco che da una parte strizza l’occhio ai grandi gruppi Hard Rock del passato dall’altra non ignora in che anno siamo.

Così incontriamo brani come la title track che, se in alcuni momenti rasenta la rocciosità dell’Heavy Metal, in altri si addolcisce e diventa più radio friendly. Pezzi come questi racchiudono il segreto della band dei fratelli Hale, riuscendo a piacere sia a un pubblico orientato a certi suoni sia a chi ha gusti più ampi.

Proseguiamo con “Wicked Ways”, che mostra tutti i riferimenti a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 senza tralasciare un impatto sonoro massivo, così come “Strange Girl” e “Brightside”, che mostrano un mood più moderno e cadenzato, ma ugualmente potente. 

The Steeple” è un pezzo creato alla perfezione per insediarsi nella testa dell’ascoltatore, per poi essere cantata a squarciagola sotto il palco dei concerti lasciandosi trasportare dall’energia della band. Sempre un po’ studiata a tavolino, ma ugualmente piacevole, è “Terrible Things”, brano acustico forse solo un po’ prevedibile. 

Onestamente non ho apprezzato alcuni momenti troppo moderni di “My Redemption”, ma è solo una questione di gusti, perchè il brano scorre bene e in modo coinvolgente. Sempre con un taglio più moderno “Bombshell”, in cui è difficile non individuare l’ispirazione a Tom Morello e soci.

Il terzetto finale ci propone “I Come First” e “Psycho Crazy”, pezzi abbastanza canonici, belli, ma forse non troppo memorabili, e la conclusiva “Raise Your Horns” (omonima della fondazione benefica gestita dalla cantante), particolarmente sentita da Lzzy Hale e che non può lasciare indifferente neanche il cuore più freddo.

Non solo gli Halestorm si confermano tra le più interessanti realtà del mondo Hard Rock, ma riescono a mantenere una costante evoluzione per ottenere una sempre maggiore personalità. 

Menzione particolare per Lzzy e la sua abilità di essere convincente in ogni situazione, passando con estrema naturalezza da situazioni ruvide e potenti a dolci e ammalianti.

Etichetta: Warner Music

Anno: 2022

Tracklist: 01. Back From The Dead 02. Wicked Ways 03. Strange Girl 04. Brightside 05. The Steeple 06. Terrible Things 07. My Redemption 08. Bombshell 09. I Come First 10. Psycho Crazy 11. Raise Your Horns
Sito Web: https://www.halestormrocks.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login