Gruesome – Recensione: “Dimensions Of Horror”

Nei 20 minuti – scarsi –  di “Dimensions Of Horror” i Gruesome riescono là dove molte band death metal falliscono: piegare la materia metallica fino a renderla semplice e “comprensibile”. Quello del quartetto americano è infatti un autentico ritorno alle origini della scena death: canzoni dirette, senza fronzoli al servizio di un ep che giunge a poco più di un anno dal debutto “Savage Land”.

Nelle 6 canzoni contenute nell’Ep non c’è spazio per innovazioni o colpi di teatro vari, solo passione e voglia di celebrare la prima ondata della scena death metal americana. Un punto di forza, certamente, ma anche un limite perché ogni canzone è assolutamente prevedibile dal primo all’ultimo secondo. Un immobilismo stilistico che a conti fatti piace, perché ascoltare una canzone come “Amputation” (veramente pregevole – per i canoni del genere – il testo) o come la title track nel 2016 è sempre un gran bell’ascoltare.

Pregevole la produzione, curata dalla band stessa e da Jarrett Pritchard, che regala chiarezza nelle trame del quartetto americano. Da segnalare anche l’artwork, tributo a H.P. Lovecraft e a Sam Raimi. Sam Raimi perché quella strana mummia consumata dal tempo sembra difendere il Necronomicon  cercato disperatamente da Bruce Campbell/Ash ne “L’Armata Delle Tenebre”.

Un Ep gradevole, certamente non indispensabile, indirizzato a chi ascolta il death metal con un pizzico di nostalgia e con una buona dose di ironia. Perché alla fine non bisogna mai prendersi troppo sul serio.

All right, you primitive screw-heads, listen up! See this? This… is my boomstick!”…. Buon ascolto.

Gruesome Dimension Of Horror

Voto recensore
6,5
Etichetta: Relapse Records

Anno: 2016

Tracklist: 1. Forces Of Death 2. Raped By Darkness 3. Amputation 4. Hellbound 5. Seven Doors 6. Dimensions Of Horror
Sito Web: https://gruesomedeathmetal.bandcamp.com/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login