Grim Reaper – Recensione: Walking In The Shadows

E’ con enorme piacere che ci occupiamo di un nuovo album dei Grim Reaper a quasi 30 anni di distanza da quel capolavoro che risponde al nome di “Rock You To Hell”, uscito nel 1987. La band inglese poteva rappresentare uno dei più grossi nomi della New Wave Of British Heavy Metal considerata la sua qualità, ma il prematuro scioglimento le ha impedito di mantenere la meritata fama allora acquisita, non però prima di diventare una piccola leggenda (status incrementato dalla lunghissima assenza dalle scene). Il digiuno si è comunque interrotto, e dopo numerose performance infuocate in seguito al ritorno avvenuto nel 2006, l’unico membro superstite Steve Grimmett e i suoi sodali ci presentano la loro nuovo fatica dal titolo “Walking In The Shadows”.

L’album è un vero e proprio tuffo nel passato, in quel versante ormai definito classico degli anni ’80 in cui i brani partivano sempre con riff ficcanti e inconfondibili e sfociavano inevitabilmente in refrain fatti apposta per essere cantati in coro. Largo spazio dunque a composizioni tutte veloci, melodiche e di immediata presa, ovviamente tradizionali ma gustose. La opener “Wings Of Angels”, la title track a seguire e la rocciosa “Reach Out”, canzoni cariche e belle toste, ci mostrano al meglio questo stile.

La voce di Grimmett è in buona forma, il chitarrista Ian Nash sa il fatto suo e i pezzi con cui i nostri si cimentano sono lineari e mai troppo complessi, ma sempre efficaci: il gioco è quindi fatto per uscirsene con un platter di sicuro gradimento. “I’m Coming For You” si fa notare per la sua melodia e per il suo bell’assolo, “Call Me In The Morning” per il suo assalto all’arma bianca e “Temptation” per la sua arrembante frenesia. Ultime menzioni di merito per l’anthemica “Rock Will Never Die”, inno da sing-along che in dischi di questo tipo ci sta sempre, e per la terremotante “Blue Murder”.

Walking In The Shadows” è un album di puro e sano heavy metal di una volta: all’atteso ritorno dei Grim Reaper non chiedevamo altro. Pur non costituendo un capolavoro assoluto, il nuovo lavoro dello storico combo britannico è piacevole, ben composto e rappresenterà una delle uscite dell’anno per i nostalgici appassionati di queste sonorità. Ora resta solo da augurarsi che la rinata carriera di Steve Grimmett e soci non subisca una nuova interruzione dopo questo brillante rilancio.

Steve Grimmet Grim Reaper - Walking in the shadows

Voto recensore
7,5
Etichetta: Dissonance Productions

Anno: 2016

Tracklist: 01. Wings Of Angels 02. Walking In The Shadows 03. Reach Out 04. I'm Coming For You 05. From Hell 06. Call Me In The Morning 07. Rock Will Never Die 08. Temptation 09. Thunder 10. Now You See Me 11. Blue Murder 12. Come Hell Or High Water
Sito Web: http://grimreaperofficial.co.uk/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login