Grand Cadaver – Recensione: “Into the Maw of Death”

Il 2021 è stato abbastanza svedese, non trovate? Nuovo album degli At The Gates, ritorno sulle scene dei The Lurking Fear, creazione dei Grand Cadaver con un EP, “Madness Come”, poi l’album completo in questione e infine la nascita dei The Halo Effect.

Se poi aggiungiamo che nessuno di questi suona male, ma anzi, ecco che si spiega la mia extra salivazione nel mettermi le cuffie prima di ascoltare “Into The Maw Of Death”. L’inconfondibile voce di Mikael Stanne, col suo carisma, la fa da padrona, portando nel 2021 un onestissimo album violento con espliciti richiami al sound dei Dismember.

La progressione del disco è costante, brutale e oserei dire volutamente ignorante. È un disco che trasuda dalla prima all’ultima traccia marciume svedese, qualcosa che sembra tornare da un lungo letargo sotto terra.

Divertente, sfrontato, veloce e purulento sono i quattro aggettivi che utilizzerei per descrivere al meglio il risultato di 37 minuti di musica suddivisi in dieci canzoni. Come anche descritto per i The Lurking Fear, è impossibile tenere lontano da certe sonorità chi ha vissuto in prima persona quel periodo storico.

Ci sono una marea di riferimenti che ci riportano a fine anni ’80 e inizio ’90, con un briciolo di malinconia e collera, un disco che, rispetto a quello del compaesano Lindberg, suona più cattivo e rapido, sfogando probabilmente un po’ di idee estreme lasciate a macerare per bene nella testa di Stanne.

Questa ondata old school non fa altro che ridare vita ad una scena che si è evoluta troppo rispetto agli albori ed è giusto far tornare il treno sui binari giusti.

I Grand Cadaver si dimostrano i grandi musicisti quali sono (Tiamat e Katatonia su tutti), producendo un suono caratteristico dell’epoca senza scopiazzature evidenti, scattante nelle transazioni all’interno dei brani, assoli non troppo elaborati e batteria che apprezzo per non essere un tappeto infinito di “tupa tupa” per tutto l’album.

Ci vogliono capacità, conoscenze, esperienze e un po’ di egoismo per voler tirare fuori dal cilindro un progetto del genere. Ben vengano questi ritorni al passato se continueranno ad essere prodotti in questo modo!

Etichetta: Majestic Mountain Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. Disanimated 02. Soul Infestation 03. World Mausoleum 04. Grim Eternal 05. Reign Through Fire 06. Into the Maw of Death 07. Empire of Lies 08. Malevolent Fate 09. Manifest Insanity 10. Cold Light Leaves
Sito Web: https://grandcadaver.bandcamp.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login