Adam West – Recensione: God’s Gift To Women

Peccato che non ci siano più i vinili, altrimenti potrei dire a cuor leggero che fra i solchi di questo “God’s Gift To Women” si respira la stessa aria dei dischi di Stooges e Mc5.

L’ultima fatica degli Adam West riporta alla mente il tempo in cui la musica era solo sudore e salti sopra un palco, senza nessun palliativo o orpello che servisse a mascherare la debolezza del prodotto. Questo è rock ‘n roll. Punto e basta. Fregatevene se ci sono spunti punk, stralci dei Warrior Soul, chitarre acustiche a preludio di ballate elettriche e se i testi sembrano rubati dal quaderno segreto di Gene Simmons e Paul Stanley. (They call me god’s gift to women/ And I think it’s well-deserved). Gli Adam West riportano il rock al suo stadio natale: una strofa da cantare ed un ritornello da urlare ancora più forte. E cosa ve ne frega se siete in autobus e tutti vi guardano come un appestato…

Non c’è un brano debole ma una serie di canzoni che, per fortuna, non hanno alcuna pretesa di sembrare nuove e tanto meno originali, riuscendo comunque nel difficile compito di non annoiare mai. Merito anche e soprattutto della splendida voce di Jake Starr, unico sopravvissuto della versione originaria degli Adam West targata 1992. È sorprendente la varietà di emozioni che Starr riesce a trasmettere pescando da diversi illustri e colleghi: Mark Lanegan e Danzig sono solo due dei nomi che mi vengono in mente ma ognuno di voi potrà trovare mille spunti diversi che hanno il pregio di non scadere mai nel mero plagio.

Questo disco di sicuro non vi cambierà la vita, ma come minimo potrebbe rendere la vostra estate un po’ meno opprimente.

Voto recensore
7
Etichetta: People Like You / Self

Anno: 2003

Tracklist:

01. Devilishly Handsome
02. Trying to Be a Man in a Woman's World
03. Gets Me Off
04. Wishbone
05. Second Sight
06. Eye to Eye
07. There's a Bimboo Under My Bed
08. God's Gift to Women
09. Hotsy Totsy
10. The Future's on My Side
11. Center Stage
12. The Floozy
13. In the Back of My Hearse (lo-fi)"


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login