Forteresse – Recensione: Thèmes Pour La Rébellion

Four-piece dal Canada francofono, i blacksters Forteresse presentano “Thèmes Pour La Rebèllion”, quinto album in studio per l’interessante collettivo del Quebec, anch’esso padrone di quei canoni sopra le righe che hanno interessato lo svuluppo della scena black metal nordamericana, tra richiami alla musica ambient e seduzioni post rock.

La formula sonora dei Forteresse è semplice ma di certo efficace. Uno stile il loro, che contempla elementi della tradizione elaborati in modo personale attraverso una tecnica esecutiva invidiabile (le influenze di matrice death metal dai vicini U.S.A. si fanno sentire), un forte sentore epico e tanta melodia. Una melodia fiera, avvincente, perfetta compagna delle tematiche guerresche e battagliere care al gruppo.

“Thèmes Pour La Rébellion” narra infatti le vicende relative alla Guerra D’Indipendenza canadese iniziata nel 1837, quando la popolazione locale, insieme a parte dei nativi e potendo contare sull’appoggio degli Stati Uniti, cominciò a rivoltarsi contro la madrepatria britannica. La tematica storica, che si collega anche al concetto di identità nazionale del Quebec, è affrontata da un bacino musicale ad ampio spettro. Non mancano certo richiami al black metal della tradizione, con brani veloci e dai passaggi ricorsivi ma eseguiti con la massima cura, lasciando il giusto spazio ai tappeti delle due tastiere (comunque mai invasivi), a rallentamenti e a cori che rafforzano la natura epica dei pezzi.

In questo senso parla già molto bene l’opener “Spectre De La Rébellion”, che introdotta dai rumori di battaglia di “Aube De 1837”, mostra subito come il gruppo punti molto sull’emozionalità del pezzo, senza insistere sul fattore sorpresa (che di fatto non c’è), ma creando atmosfere avvincenti e in grado di coinvolgere da subito l’ascoltatore. Colpiscono la voce di Athros, intensa nello screaming e avvolgente nelle parti pulite, oltre all’estro della chitarra di Matrak Tveskaeg, che si prodiga anche in assoli di ottima fattura (“Là Où Nous Allons”).

Il buonissimo equilibrio tra potenza (citiamo qui la tellurica “Vespérales”) e melodia (i malinconici passaggi di “Le Sang Des Héros”) rendono “Thèmes Pour La Rébellion” un disco di sicuro interesse per gli appassionati del settore, mentre i Forteresse si confermano una realtà di assoluto valore nel fervido panorama underground canadese.

Forteresse-Themes-Pour-La-Rebellion-cover

 

Voto recensore
7
Etichetta: Sepulchral Productions

Anno: 2016

Tracklist: 01. Aube De 1837 02. Spectre De La Rébellion 03. Là Où Nous Allons 04. Par La Bouche De Mes Canons 05. Le Sang Des Héros 06. Forêt D’automne 07. Vespérales 08. Le Dernier Voyage
Sito Web: https://www.facebook.com/Forteresse-312227428819928

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login