Fjoergyn – Recensione: Lvcifer Es

Ci sono band che pur senza inventare nulla di nuovo, riescono ad offrire un cocktail fresco e piacevole, non facendo altro se non sfruttare al meglio il proprio bagaglio di influenze. Ne sono un perfetto esempio i tedeschi Fjoergyn (un termine che nella mitologia islandese indica il mondo degli uomini), un gruppo che riprende e rielabora con ottimo gusto estetico e una dose di caratteri propri, la lezione dell’extreme melodic metal moderno.

L’ascolto di “Lvcifer Es”, quinto studio album dei mitteleuropei, svela continuità con band come Dimmu Borgir, Cradle Of Filth, Therion del periodo mediano, Septic Flesh, con in più un tocco piacevolmente diabolico di dark progressive che ricorda l’anarchia dei Devil Doll. Canzoni dai numerosi cambi di intenzione, tecnicamente perfette, dotate di melodie efficaci e senza cedimenti, con il valore aggiunto di liriche pungenti, grottesca satira della società contemporanea.

L’intro strumentale “MMXVII” prelude a “Leviathan”, un brano di death/black metal all’apparenza intransigente ma che accoglie ariosi stacchi kraut rock e dei cupi cori operistici. Ottima poi “Lucifer Es”, uno dei pezzi più orecchiabili ma dal mood sempre severo, introdotto da una chitarra acustica dal sapore mediorientale, inserti di organo carichi di grandeur e numerosi innesti sinfonici che accompagnano l’ottima performance vocale del mastermind Stephan L. (anche chitarra e tastiere) e di Ivo Raab, in un turbine continuo di vocalizzi che vanno dalle grida belluine a un teatrale pulito.

Questa neue deutsche welle estremizzata raggiunge il suo climax nella suite “Dinner Mit Baal”, che passa dal jazz al black a un industrial caotico alla Anaal Nathrakh e nella disturbante “Terra Satanica”, un altro esempio di come il gruppo renda logica la più totale anarchia musicale, tra accelerazioni violente e sinistri rallentamenti.

Un platter devoto a un certo modo di intendere il metal che i nostri Fjoergyn hanno metabolizzato con ottimi risultati.

Voto recensore
7
Etichetta: Lifeforce Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. MMXVII 02. Leviathan 03. Viva La Inquisition 04. Lucifer Es 05. Blut Samen Erde 06. Dinner Mit Baal 07. Terra Satanica 08. Freiheit
Sito Web: http://fjoergyn.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login