Filter – Recensione: “Crazy Eyes”

Delude il nuovo album dei Filter. Delude perché è un gigante dai piedi d’argilla, monolitico e “cattivo” solo in apparenza. Come fosse un copione ben scritto e poco altro. Delude perché debole, delude perché dalla band (o da Richard Patrick? Vero e solo “titolare” della band) ci si aspettava decisamente di più.

Canzoni che girano a vuoto, che lasciano l’amaro (e parecchio poi) in bocca e che scivolano via senza lasciare traccia. C’è solo voglia di “imitare” il passato, con spunti creativi ridotti all’osso ed emozioni che latitano per gran parte dell’ascolto. Spiace scrivere queste righe, perché nel ritorno dei Filter confidavo, confidavo nella voglia di rivincita di Richard Patrick dopo un periodo piuttosto lungo di appannamento creativo. Ma pronti-via e le cose subito non girano per il verso giusto perché “Mother E” non va oltre la facciata, limitandosi ad abbaiare senza lasciare segni di morsi.

Qualche spiraglio in “Nothing In My Hands” e “Pride Flag” (seconda e terza canzone del disco), dove c’è qualche scintilla dei bei tempi che furono. Il resto delude, con picchiate imbarazzanti come “City Of Blinding Riots”: davvero troppo povera per essere “premiata” con la presenza in “Crazy Eyes”, quasi da essere messa lì per caso o perchè solo apparentemente “riottosa”.

Lascia l’ascoltatore “sospeso” il singolo “Take Me To Heaven”, che doveva essere premiato con un ritornello di prim’ordine. Una canzone che sembra quasi ingranare, complice la giusta dose di energia. Il resto non riesce a raggiungere il “6 politico”, troppo poco ispirato il nuovo album dei nostril.

Prosegue il brutto momento per la band americana, ancora incapace di tornare ai fasti di “Short Bus” e “Title Of Record”.

Filter - Crazy Eyes

Voto recensore
5
Etichetta: Wind-Up Records

Anno: 2016

Tracklist: 01 – Mother E 02 – Nothing In My Hands 03 – Pride Flag 04 – City of Blinding Riots 05 – Take Me to Heaven 06 – Welcome to the Suck (Destiny Not Luck) 07 – Head of Fire 08 – Tremors 09 – Kid Blue From the Short Bus, Drunk Bus 10 – Your Bullets 11 – Under the Tongue 12 – (Can’t She See) Head of Fire, Pt. 2
Sito Web: http://www.officialfilter.com/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login