Epysode – Recensione: Fantasmagoria

Mi piace! Nell’epoca in cui i social network e Facebook in primis sono alla base della comunicazione tra le persone, è sufficiente un pollice all’insù per esternare il proprio indice di gradimento. Ed il secondo disco del progetto Epysode, capitanato dal chitarrista belga Samuel Arkan, merita senza dubbio il nostro click. Dopo il clamoroso “Obsessions”, di due anni or sono, i nostri confermano la qualità del proprio prog metal melodico e la scelta vincente di affidare le parti vocali del concept a frontman differenti.

Il mood di “Fantasmagoria” è oscuro ed opprimente ed all’ascolto emergono atmosfere darkeggianti, ma di classe. Tra orchestrazioni drammatiche, dirompenti accelerazioni chitarristiche ed ingegnosi cambi di tempo, gli Epysode si collocano ancora a metà tra i Kamelot ed i Symphony X, con una spruzzata di Beyond Twilight ed Evergrey. Non mancano in questi undici brani (piu alcuni intermezzi strumentali) raffinatezza ed eleganza, unitamente ad una tecnica strumentale al top, considerando la presenza del drummer dei Pain Of Salvation, Leo Magarit, di Mike Lepond al basso, del nostro Simone Mularoni on guitar ed Henning Basse, Matt Marinelli e Tom Englund (tra gli altri) dietro al microfono. Si parte fortissimo con “The Arch”, una rabbiosa power metal song di scuola DGM, sviluppata lungo arrangiamenti sinfonici di prim’ordine, mentre nella cavalcata metallica “Venom” è il pianoforte a salire alla ribalta, in una toccata e fuga solista classica. “T.H.O.R.N.S.” è un mix letale tra Kamelot e Pagan’s Mind, grazie a rallentamenti emozionanti, finemente recitati dai protagonisti, mentre la moderna “Now And Forever” colpisce subito nel segno con il suo riff prog, guadagnandosi la palma di hit di “Fantasmagoria”. Difficile, se non impossibile, sviscerare tutti i contenuti di un album così maturo, teatrale, complesso, ma nello stesso tempo dannatamente coinvolgente.

 Sarebbe come ostinarsi a spiegare per filo e per segno tutti i particolari della trama de “I Soliti Sospetti”: meglio invitare a gustarselo tutto d’un fiato, più e più volte. E proprio come certi film thriller intricati ed ipnotici, anche “Fantasmagoria” ha la capacità di tenerci incollati alla sedia dalla prima all’ultima nota. La forza sta tutta in un sognwriting curatissimo, una produzione deluxe ed un approccio compositivo maestoso e comunicativo. Gli Epysode hanno fatto ancora centro.

Voto recensore
8
Etichetta: AFM Records / Audioglobe

Anno: 2013

Tracklist:

01. File-41-80-2
02. The Arch
03. Morning Rose
04. Venom
05. The Black Parade
06. T.H.O.R.N.S.
07. Garden Of Exile
08. Raven’s Curse
09. Living Fortress
10. Fantasmagoria
11. The Inheritance
12. Now And Forever
13. Forgotten Symphony
14. Unreal


Sito Web: https://www.facebook.com/epysode

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login