Vortice Cremisi – Recensione: Falling Into The Crimson Vortex

Scherzano col fuoco i Vertice Cremisi, andando a scomodare mostri sacri come John Garcia e fidati compagni di avventure. Un sound saturo e distorto che affonda le proprie radici negli anni 70 per riportarne a galla il lato più hard e diretto, senza però perdere di vista gli aspetti psichedelici e lisergici. Un lavoro che potrebbe quindi essere accostato ai Corrosion Of Conformity, ma che ha dalla sua un approccio più dannatamente rock’n’roll – ecco perché viene in mente Garcia e soprattutto i suoi Unida. Un songwriting deciso e convincente viene però in parte messo in secondo piano da una produzione che non sempre rende giustizia come dovrebbe al lavoro: il che non intacca però il valore dell’album e della band. Siamo curiosi di vederli all’opera dal vivo.

Voto recensore
7
Etichetta: Red Sun

Anno: 2002

Tracklist: Mr. Plane
No Welfare
March Wave’s Corrosion By Natural Elements
Real Men
Wrarrl, The Limbo’s Dimension
Last Moment
Demands
Good Action
Crimson Vortex

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login