Falling Angels

Voto
recensore

6

Voto
utenti

-

Falling Angels

Six Magics

Track Listing

01. Another Name
02. Falling Angels
03. Rolled
04. Dreamer (B:O:M)
05. Do You Remember?
06. Sick & Tired
07. Icy Lips
08. Start Another War
09. Suicide
10. Why
11. Binsfeld
12. How To Live
13. I Know

Vota questo album:

Dopo un inizio carriera (prima parte degli anni 2000) dedito al power sinfonico più pomposo e melodico i Six Magics tornano con una line-up profondamente rinnovata che presenta la nuova singer Ely Vasquez ed una differente miscela musicale. Abbandonato il power delle origini i nostri ci propongono una sorta di power/thrash confusionario con “Behind The Sorrow” (datato 2010) ed ora, con questo nuovo “Falling Angels”, si rilanciano con tredici tracce all’insegna di un power metal molto energico, caratterizzato da una notevole vitalità della linea ritmica, resa discretamente anche grazie alla registrazione precisa e pulita del CD.

Quindi in questo quinto album della band cilena le ritmiche delle song sono quindi sempre molto sostenute, senza comunque premer troppo sull’acceleratore, come dimostra l’alto numero di brani arrembanti ma mai speed.

L’approccio vagamente thrash rimane ancora evidente nel riffing compatto di song come “Dreamer (B:O:M)”, “Start Another War” (song aggressiva arricchita anche dalla robusta linea di basso di Mauricio Nader e cantata anche da voce maschile) e l’opener “Another Name”, anche se mediamente prevale un approccio dinamico e melodico come nel caso della bella title-track (una delle song migliori del disco) o anche delle arrembanti “Sick & Tired” (tastiere ancora in evidenza) e “How To Live”.

Più melodiche e soft sono tracce quali “Rolled”, in cui ritroviamo un discreto peso delle tastiere, nonchè la pop-oriented “Do You Remember?”, caratterizzata da basi veramente pessime… una delle tracce peggiori dell’album. I toni si rialzano sul versante melodico grazie alla semi-ballad conclusiva “I Know” in cui la Vasquez sa donare il giusto pathos, accompagnata in modo egregio dalla chitarra acustica prima e poi da quella elettrica della coppia Erick Avila (uno dei sopravvissuti della prima incarnazione della band) e Pablo Ignacio Sepulveda.

Citiamo ancora, come una delle migliori tracce dell’opera, la strumentale scatenata “Binsfeld” in cui Avila e compagni hanno modo di sfoggiare tecnica ed energia.

In conclusione “Falling Angels” certifica il definitivo abbandono dell’approccio epic-sinfonico-fantasy della band (anche le liriche diventano banali con l’eccezione di qualche testo vagamente impegnato come “Start Another War”) a favore di un sound più energico ma anche noioso e meno incisivo. La release è appena passabile grazie alla buona prestazione dei musicisti ma si consiglia vivamente di ascoltare prima di acquistare.

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login