Paradise Lost – Recensione: Faith Divides Us – Death Unites Us

“Faith Divides Us – Death Unites Us”, percorre fedelmente il sentiero che i Paradise Lost hanno deciso di intraprendere negli ultimi anni, ossia un sentito ritorno alle sonorità primigenie, che nel nuovo album appare ancora più marcato.

Il disco è proiettato senza dubbio in un’ottica moderna, ma l’aggressività e la malinconia dei tempi andati ritornano struggenti. Basti guardare una cover che sa di antico, in questo rigoroso bianco e nero che si riflette tra le sensazioni trasmesse dall’album. La performance vocale di Nick Holmes è perfetta: il front-man diluisce sapientemente la voce pulita con dei ricami di growl, non semplici pennellate questa volta, ma uno stile che si ritaglia delle parti piuttosto ampie.

Tutto è molto quadrato e severo, ma le canzoni sono irrorate di melodia in modo costante. Spesso, parti sinfoniche plumbee ma romantiche, intervengono a donare al brano una sensazione di pienezza e, termine da prendere con le molle, tiepida solarità. Anche Greg Mackintosh svolge un lavoro senza imperfezioni: i suoi riff ricalcano i ritmi del death/doom inglese degli anni ’90 ma il senso di derivazione è pienamente arginato dalla bellezza delle composizioni, sempre snelle e senza indugi.

I britannici sono una garanzia di qualità superiore e “Faith Divides Us – Death Unites Us”, è un must per tutti gli appassionati di gothic e doom metal.

Voto recensore
7
Etichetta: Century Media / EMI

Anno: 2009

Tracklist:

01.As Horizons End
02.I Remain
03.First Light
04.Frailty
05.Faith Divides Us – Death Unites Us
06.The Rise Of Denial
07.Living With Scars
08.Last Regret
09.Universal Dream
10.In Truth


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login