Exmortus – Recensione: Ride Forth

Quarto album per i californian technical thrashers Exmortus, formati da Conan Gonzalez e David Rivera, entrambi alla chitarra e alla voce, Mario Mortus alla batteria e Mike Cosio al basso, che su Prosthetic Records licenziano il nuovo “Ride Forth”.

Epicità, tecnica sfavillante e una base massiccia a base di thrash di derivazione classica tedesca sono gli ingredienti principali di questo platter, per chi non conosce il marchio di fabbrica della band che aveva esaltato gli animi col precedente “Slave To The Sword”: l’immaginario che ci accoglie fin dalla copertina è quello del metal classico e possente, ma ciò che stupisce fin dall’opener è la capacità di sciorinare melodie di tipo neoclassico del quartetto, lanciato in velocità e comunque artefice di pirotecniche partiture. L’apertura affidata a “Speed Of The Strike” mette subito le carte in tavola, una cavalcata fra suggestioni barocche, intrecci che volano sulle corde degli strumenti e una spiccata vena melodica che si perpetra anche in “Relentless”, dove prende più il sopravvento la matrice svedese, specie per le accelerazioni; il thrash prende il sopravvento in “For The Horde” mentre “Let Us Roam” vive di melodie più particolari, l’epicità scorre a fiumi in “Hymn Of Hate” e nella finale “Fire And Ice”. La cover della “Appassionata” di Beethoven sbalordisce ulteriormente per lo sfoggio di tecnica e conferma una volta di più le capacità del gruppo e la bontà delle composizioni presenti in questo “Ride Forth”: purtroppo però, rispetto all’album precedente già citato c’è meno freschezza e il bilanciamento sonoro rende il tutto un po’ asettico e, alla lunga, ridondante.

Gli Exmortus sono certamente un gruppo che riesce a riunire sotto la propria bandiera varie influenze e capacità indiscutibili dal punto di vista tecnico e compositivo ma questo “Ride Forth” non soddisfa appieno se confrontato con la prova precedente, a causa di quei piccoli cambiamenti in sede di registrazione che vanno ad influire in maniera decisiva sul risultato finale.

Exmortus - Ride Forth

Voto recensore
6,5
Etichetta: Prosthetic Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Speed Of The Strike 02. Relentless 03. For The Horde 04. Let Us Roam 05. Black Sails 06. Hymn Of Hate 07. Appassionata 08. Death To Tyrants 09. Fire And Ice
Sito Web: http://exmortusmusic.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login