Marco D’Andrea – Recensione: Everything I Have To Say

Fra i migliori album per chitarra usciti lo scorso anno, quello interamente strumentale di Marco D’Andrea, specialista delle sei corde per i lombardi Planethard, merita di sicuro uno fra i primi posti. I dieci brani di ‘Everything…’ ci mettono davanti un musicista dalla personalità matura e ben definita, al quale interessa sì sfoggiare la propria capacità tecnica, ma anche il proprio temperamento e i propri sentimenti.

Un primo aspetto che salta subito all’occhio è la presenza di tanti titoli composti da poche parole, che però introducono nel pieno del tema descritto nel brano. ‘Flying After The Rain’ ha quindi il sapore della liberazione dopo essere stati oppressi da qualcosa di pesante, mentre ‘The Journey’, con il suo ritmo dinamico e le continue variazioni sul tema principale, dà l’idea di una continua evoluzione, di un non sapere cosa ci aspetta dietro l’angolo. Marco D’Andrea tira poi fuori tutta la malinconia di cui è capace in ‘Why’, un brano lento ma con un paio di riff più heavy, che dà veramente voce a molti perché che ci portiamo dentro silenziosamente, per poi liberarsene nello slancio di ‘Esperanza’, nel divertimento di ‘Funk Me Baby’, in cui chitarra e basso duettano selvaggiamente, e finendo con il riposo sereno di ‘A Deep Breath’.

Un altro aspetto molto positivo che percorre trasversalmente  l’album è il non riuscire a trovare tanto facilmente le fonti di ispirazione su cui  Marco D’Andrea ha costruito il proprio stile, segno che la personalità del musicista è abbastanza compiuta da essersene distaccata. ‘Everything…’ è quindi un album costruito con infinita cura, dove nulla è lasciato al caso e dove stile e sentimento formano un legame indissolubile. Difficile non esserne ammaliati.

Voto recensore
8
Etichetta: Auto produzione

Anno: 2012

Tracklist:

01. Only A Prayer

02. Sandstorm

03. Flying After The Rain

04. The Journey

05. Why

06. Esperanza

07. The Unsaid Words

08. Funk Me Baby

09. Is This Blues?

10. A Deep Breath


Sito Web: http://www.marcodandrea.it/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login