Estate – Recensione: Mirrorland

Rientro sulla scena di tutto rispetto per gli Estate che con “Mirrorland” mettono a segno un secondo album (dopo il primo “Fantasia” del 2014) all’insegna di un power metal sinfonico standard ma di buon livello che farà la gioia di chi ama melodie radiose ed intrecci diretti e maestosi. La vena folk del primo lavoro viene sacrificata in virtù di un sound più altisonante ed una produzione decisamente efficace che esalta a dove il lavoro delle chitarre di Petr Filevskiy e le tastiere di Dmitriy Efimov. Il nuovo singer Iliand Ferro si destreggia più che bene nei fraseggi melodici inventati dai compagni, anche se magari manca un po’ per quanto riguarda gli acuti e non propone uno spettro interpretativo molto ampio; al contrario il basso di Vadim Lalayan vibbra potente soprattutto nei pezzi più ritmati come la schiacciasassi “The Ghoul” in cui anche il singer tutto sommato si destreggia bene.

Ottime le epiche “Mirrorland”, “Storm Of The Age” e “Lady Wind” mentre risulta interessante il lentone emozionante “Winter Kingdom” per il quale i russi realizzano un video che fa chiaramente riferimento al telefilm “Il trono di spade”.

Interessante poi l’esperimento realizzato con cui i nostri fanno intervenire due singer eccellenti come ospiti. La cavalcata power ultra-melodica e melodica “Knight Of Hope” viene prima cantata da Ferro e poi riproposta nel finale da Mark Boals (Malmsteen, Royal Hunt, Ring Of Fire, ecc.). Altro tentativo curioso con la modernista “Matter Of Time” e le sue trovate melodiche melense e poco convincenti che viene riproposta in seconda battuta da Mats Leven (Candlemass, Malmsteen, At Vance, ecc.).

Va detto che i due ospiti vincono e non di poco rispetto all’interpretazione comunque sentita di Ferro e l’album ci guadagna in un paio di ospitate che proposte in questo modo dimostrano di far nascere curiosità.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Mighty Music

Anno: 2018

Tracklist: 01. Mirrorland 02. The Ghoul 03. Stolen Heart 04. Winter Kingdom 05. Storm Of The Age 06. Knight Of Hope 07. Lady Wind 08. Silvery Skies 09. Matter Of Time 10. Springtime 11. Knight Of Hope (Mark Boals Version) 12. Matter Of Time (Mats Leven Version)
Sito Web: https://www.facebook.com/Estateofficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login