Emerald Sun – Recensione: Escape From Twilight

Gli Emerald Sun potranno forse attirare qualche simpatia tra i defender più intransigenti, ma la loro proposta è troppo grossolana e derivativa per essere davvero interessante. La band ellenica si inserisce senza volontà di distinzione nel filone più classico dello speed europeo, con band come Helloween, Blind Guardian e Gamma Ray come principale fonte d’ ispirazione. Dopo la classica intro ci troviamo ad ascoltare una manciata di song di una prevedibilità disarmante che costruiscono trame compositive utilizzando ritmiche veloci, parti di tastiera più melo-power e qualche momento dal sapore epico. Il risultato è scontato e il songwriting chiaramente manieristico, ma il lavoro ci pare anche contestabile nella forma espressa, con un singer dotato di una tonalità che diventa a volte stridula e che ulula troppo fuori dalle righe (molto meglio sulle note più basse e nei passaggi meno speed, perché non sfruttare di più queste caratteristiche?). Anche nelle componenti strumentali- come ad esempio gli inserti di tastiera – sono troppe le esagerazioni pacchiane (saranno anche volute, ma…) e troppi i passaggi macchiati da un senso disturbante di già sentito. Scelte che non ci sentiamo di condividere e che finiscono per coprire anche il buonissimo (questo si) lavoro della base ritmica e qualche bell’assolo infilato tra le pieghe. Il genere può ancora dire la sua, ma servono più idee e più capacità di quelle messe in luce qui dagli Emerald Steel. ‘Escape From Twilight’ scorre tra canzoni stilisticamente molto simili in cui non c’è troppo da ricercare particolarità da segnalare. Prodotti come questo mettono di fronte al classico “prendere o lasciare”. A noi la scelta appare chiara.

Voto recensore
5
Etichetta: Limb Music Productions / Audioglobe

Anno: 2007

Tracklist: 01. Sunrise
02. Scream Out Loud
03. High In The Sky
04. The Traveller
05. Sword Of Light
06. Eyes Of Prophecy
07. Escape From Twilight
08. Emerald Sun
09. H.M.
10. The Story Begins
11. Not Alone

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login