Epica – Recensione: Epica VS Attack On Titan Songs

Il 2018 è evidentemente l’anno dove heavy metal e la musica estratta da anime di ogni ordine e grado devono andare a braccetto. Dopo il “colpo di genio” tricolore dei Trick Or Treat, ecco arrivare gli Epica. Dal Giappone verso l’Olanda e l’Europa, per un ep di 8 tracce (tecnicamente un 4 + 4 ma spiegheremo poi perché) dedicato alle musiche dell’anime “Attack On Titan”.

Ma prima che anime, “Attack On Titan” è stato ed è un manga ideato dal nipponico Hajime Isayama: una epica lotta dark – fantasy tra esseri umani e giganti assetati di sangue ed impegnati nel dispensare morte ogni qual volta si renda necessaria la loro presenza. Un vero e proprio crack nella terra del sol levante: premi, anime, film di animazione ed addirittura live action.

Ed ora il passo “metallico”: l’EP di cover da parte degli Epica intitolato “Epica VS Attack On Titan Songs”. Un EP che nella terra del sol levante era già “noto” dalla fine dello scorso anno, e con qualche mese di attesa raggiunge i 4 angoli del globo.

Ad aprire le danze “Crimson Bow & Arrow” – canzone d’apertura della prima  serie (almeno per le prime puntate) dell’anime legato al manga creato da Isayama – è sicuramente una bella frustata d’energia. Rispetto alla versione originale, gli olandesi capitanati da Simone Simons amplificano la componente sinfonica di una canzone originariamente pensata ed eseguita in chiave J-Pop.

Il risultato è decisamente coinvolgente, dove la Simons dimostra ancora una volta ottime doti canore. A puntellare la strofa ecco poi spuntare i toni aggressivi di Mark Jansen, quasi a ricordare la componente di ultra-violenza del manga e dell’anime.

Cambio di passo e si passa alla seconda “sigla” di apertura dell’anime, “Wings Of Freedom”. Anche in questo caso la canzone diventa una piccola perla di heavy metal sinfonico. Piace anche in questo caso l’incursione di Mark Jansen (sostenuto da un “quasi blast-beat di Ariën Van Weesenbeek alla batteria), aggressiva e drammatica. Una canzone decisamente intensa, poco da dire.

Si passa poi al mid tempo di “If Inside These Walls Was A House”, canzone dai tratti quasi rock e più “meditata” rispetto alle prime canzoni dell’EP. Ultima tappa, la traccia d’apertura della seconda stagione “Dedicate Your Heart”. Un buon pezzo che cresce d’intensità fino al ritornello caratterizzato da un pregevole intreccio di voci. Bella anche la parte strumentale dove gli umori cambiano tra chitarre e tastiere che si rincorrono in maniera convincente.

Le altre 4 tracce dell’EP non sono altro che versione strumentali (ovviamente orchestrali) delle canzoni appena ascoltate. Scelta che personalmente non mi convince più di tanto, ma non penalizza più di tanto l’ascolto e l’ascoltatore.

In sostanza, “Epica VS Attack On Titan Songs” è un EP “utile”? Dipende dai punti di vista, perché il fan degli Epica sicuramente apprezzerà questa nuova uscita. Immagino stesso apprezzamento anche da parte del fan – medio di “Attack On TItan”, perché le musiche riproposte dagli olandesi (e notevolmente potenziante dall’impatto sinfonico) in questa nuova veste funzionano di più e meglio delle originali.

Concludendo: un EP piacevole, dedicato agli otaku di ogni ordine e grado e per tutti i fan degli Epica. Per tutti gli altri un ascolto non sarebbe disprezzabile, perché di carne al fuoco ne troviamo abbastanza da giustificare l’acquisto.

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2018

Tracklist: 01. Crimson Bow And Arrow 02. Wings Of Freedom 03. If Inside These Walls Was A House 04. Dedicate Your Heart! 05. Crimson Bow And Arrow (Instrumental) 06. Wings Of Freedom (Instrumental) 07. If Inside These Walls Was A House (Instrumental) 08. Dedicate Your Heart! (Instrumental)
Sito Web: http://www.epica.nl/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login