Eldritch – Recensione: Underlying Issues

Gli Eldritch ancora una volta non ce la fanno!

Lasciate pure questa pagina se pensate che adesso parta un attacco critico verso una delle band seminali del panorama metal italiano perché, al contrario, intendiamo dire che i nostri non riescono mai a realizzare un lavoro scarso o mediocre ma sempre di livello medio alto! E non si smentiscono con questo “Underlying Issues”, decimo album in studio di una carriera altalenante ma qualitativamente egregia.

Il terremotante riffing di “Changing Blood” ci introduce al loro migliore prodotto della produzione recente (per chi scrive il migliore dai tempi di “Blackenday”); dopo l’ennesimo stravolgimento di line-up che vede l’ingresso in formazione del bassista Alessio Consani e la dipartita del tastierista Gabriele Caselli ritroviamo i toscani in costante stato di forma.

Impressionante l’integrazione tra le chitarre della coppia Simone/Ginanneschi e anche Raffahell Dridge sembra più granitico che mai; bisognerebbe poi spendere due parole per Terence Holler, da sempre anima degli Eldritch e che in questo CD sembra porsi, ancor più che in passato, al servizio dei pezzi creando linee vocali perfettamente consone al lavoro dei compagni

C’è sia un’anima violenta (musicalmente parlando) che aperture melodiche tipiche dei loro esordi (“Broken”) ma anche uscite dagli schemi abituali come una “The Face I Wear” dal ritornello aperto innestato su un cadenzato dal riuscito break strumentale.

I tempi ritmici non tiratissimi sono una costante di “Underlying Issues” anche se non mancano le variazioni ritmiche; bella in tale senso “Bringers Of Hate” anche se c’è sempre l’eccezione che conferma la regola, ci riferiamo in particolare a “The Light” pezzo dalla base thrash che mantiene comunque una vena melodica di fondo. Discorso a parte per la versione al fulmicotone di “Slowmotion K Us”, già presente su “Portrait Of The Abyss Within” davvero tirata all’inverosimile.

Nient’altro da aggiungere: un porto sicuro nel quale approdare navigando a vista!!!

Voto recensore
8
Etichetta: Scarlet

Anno: 2015

Tracklist:

01. Changing Blood
02. Danger Zone
03. Broken
04. All And More
05. The Face I Wear
06. To The Moon And Back
07. Bringers Of Hate
08. The Light
09. Piece Of Clarity
10. Before I Die
11. Slowmotion K Us


Sito Web: http://www.eldritchweb.com

alberto.capettini

view all posts

Fan di rock pesante non esattamente di primo pelo, segue la scena sotto mentite spoglie (in realtà è un supereroe del sales department) dal lontano 1987; la quotidianità familiare e l’enogastronomia lo distraggono dalla sua dedizione quasi maniacale alla materia metal (dall’AOR al death). È uno dei “vecchi zii” della redazione ma l’entusiasmo rimane assolutamente immutato.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login