Setherial – Recensione: Ekpyrosis

Da alcuni anni a questa parte i Setherial sembrano essere entrati in una spirale perversa che li porta a proporre un disco identico all’altro. Band di spessore e da sempre sostenuta a dovere dagli addetti ai lavori, i Setherial mostrano tanto una tecnica rodata quanto una vena compositiva appassita che non fa altro se non restaurare e riassemblare una serie di cliché. “Ekpyrosis” è forse il loro album più curato sotto l’aspetto della forma: il bagaglio esecutivo dell’ensemble è come sempre di altissimo livello, anzi, possiamo affermare con sicurezza che “Ekpyrosis” porti addirittura all’eccesso la cura in ogni minimo angolo delle composizioni. Peccato solo che una simile confezione non rifletta la qualità del contenuto che, tra cambi di tempo, riff sostenuti e taglienti, blast beats ma anche parentesi ragionate dal sapore epico, prende vistosamente in prestito da chi, come i Dark Funeral, i Dissection o i Marduk, ha scritto la storia del metal estremo svedese. E’ davvero poco se consideriamo l’importanza oggettiva del gruppo e purtroppo dobbiamo constatare come “Ekpyrosis” non sia un album comunicativo che invogli ad essere riascoltato. Certo gli inossidabili supporter della fiamma nera potranno anche apprezzarlo, in fondo basta accontentarsi dell’aspetto. Chi invece è in cerca di qualità, non si lasci ingannare da un ascolto prolisso e inutilmente ridondante.

Voto recensore
5
Etichetta: Regain / Masterpiece

Anno: 2010

Tracklist: 01.A World In Hell
02.Ekpyrosis
03.The Mournful Sunset Of The Forsaken
04.The Devouring Eye
05.Subsequent Emissions From A Frozen Galaxy
06.Thoughts Of Life They Wither
07.Celestial Remains Of The Cosmic Creation
08.Enemy Of Creation
Sito Web: http://www.myspace.com/setherialsweden

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login