Dynazty – Recensione: The Dark Delight

Prosegue la marcia solenne dei Dynazty nei piani alti del metal melodico: una materia che la band svedese interpreta da ormai dodici anni con grande senso della melodia e una magniloquenza capace di mettere in soggezione anche l’ascoltatore più audace. Una capacità di creare atmosfere che di per sé vale l’acquisto anche di questo lavoro.

L’incedere maestoso di “Presence Of Mind” e il suo chorus ad effetto ci trasportano subito in mezzo ad un ideale campo di battaglia, con le possenti vocals di Nils Molin e le incursioni chirurgiche delle chitarre di Love Magnusson e Mikael Lavér. Pur all’interno di una cornice assolutamente riconoscibile e personale, la band dimostra una straordinaria capacità di muoversi con naturalezza dai ritmi sostenuti dell’epica cavalcata “Paradise Of The Architect” alle irresistibili tinte pop di “The Black”, con un ritornello che si insinuerà subito nel vostro cuore. Tastiere ipercatchy caratterizzano pure la più ordinaria ma efficace “Heartless Madness”, che mutua la lezione melodica dei Nightwish e la rende pulsante e fresca. Anche nei pezzi più semplici e meno originali dal punto di vista compositivo la qualità dell’esecuzione è tale da consentire di procedere nel viaggio chiamato “The Dark Delight” con grande piacere, anche grazie ad una produzione come sempre scintillante. Avvolgenti le progressioni melodiche di “Threading The Needle”, semplicemente portentosa la title track, con un’intensità e una carica drammatica da pelle d’oca.

Un altro centro pieno per una band forse meno nota di quelle di primissimo piano in campo melodic metal, ma che ha messo in fila una discografia impressionante per qualità ed impatto.

Etichetta: AFM Records

Anno: 2020

Tracklist: 01. Presence Of Mind 02. Paradise Of The Architect 03. The Black 04. From Sound To Silence (Feat. GG6) 05. Hologram 06. Heartless Madness 07. Waterfall 08. Threading The Needle 09. The Man And The Elements 10. Apex 11. The Road To Redemption 12. The Dark Delight
Sito Web: http://www.dynazty.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login