Disturbed – Recensione: Evolution

Evolution” è il nuovo album in studio, il settimo dei Disturbed che segue “Immortalized” di tre anni fa che ha contraddistinto il quinto debutto consecutivo alla prima posizione della classifica di Billboard e ha portato la band al disco di platino e ad un grande successo grazie alla cover di “The Sound Of Silence”. Già dal titolo di questo nuovo platter “Evolution” il gruppo ha come obiettivo quello di ampliare maggiormente il proprio sound non rimanendo ancorato al passato e continuando quella progressione già intrapresa con il precedente disco e possiamo dire che ci sono riusciti mantenendo comunque la propria identità ben definita senza dimenticare l’inconfondibile groove rabbioso che da sempre li caratterizza. 

Anche questa volta la formazione di Chicago si avvale di Kevin Churko che aveva già prodotto “Immortalized” per continuare un percorso di successo destinato a durare a lungo. L’album si apre subito con una composizione dall’impatto micidiale “Are You Ready”, non a caso scelta come primo singolo e che dal vivo sicuramente avrà una resa pazzesca seguita dall’accattivante e cadenzata “No More”, molto in linea con il sound dei vecchi Disturbed, mentre la successiva “A Reason To Fight” è incentrata in funzione della meravigliosa timbrica di Draiman in una composizione intensa e dal forte messaggio positivo. L’alternative metal moderno dei nostri si arricchisce di melodie in “In Another Time” che si fondono alla perfezione in un saliscendi sonoro dinamico e vincente a cui segue “Stronger On Your Own”, diretta ed incalzante al punto giusto con un ritornello altamente memorizzabile e dal flavour mainstream.

Con “Hold On To Memories” si esplora il lato più soft ed emozionale della band ben bilanciato dalla dirompente “Savior Of Nothing” con una ritmica secca e nervosa e lo squadrato muro di chitarre che non mollano mai la presa sull’ascoltatore. La sezione archi enfatizza ancora di più il sound della seguente “Watch You Burn”, mentre “Best One Lie” è una song un po’ anonima e di maniera che ci conduce alla conclusiva “Already Gone”, ennesima ballad delicata e dal risvolto intimista che chiude in definitiva un bel disco di sano e robusto alternative metal, vocalmente interpretato magistralmente dal bravo Draiman, vera forza della natura e destinato a mietere ulteriori successi. Da segnalare che nella versione deluxe è presente la celeberrima versione live di “The Sound Of Silence” con Myles Kennedy come ospite che di certo non ha bisogno di ulteriori elogi e di altri tre brani tra cui l’interessante versione remix di “Are You Ready”. Noi siamo pronti per il ritorno dei Disturbed e voi?

Voto recensore
8
Etichetta: Reprise Records

Anno: 2018

Tracklist: 01. Are You Ready 02. No More 03. A Reason To Fight 04. In Another time 05. Stronger On Your Own 06. Hold On To Memories 07. Savior Of Nothing 08. Watch You Burn 09. Best Ones Lie 10. Already Gone 11. The Sound Of Silence (Live With Myles Kennedy) 12. This Venom-Bonus Track 13. Are You Ready (Sam de Jong Remix) - Bonus Track 14. Uninvited Guest-Bonus Track
Sito Web: http://www.disturbed1.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login