Fates Warning – Recensione: Disconnected

Da qualche parte, si muove la progressione: sinuoso movimento che si impossessa dei Fates Warning e li porta oltre. A tutti coloro che trepidavano per un colpo di arresto della band, dopo l’immenso ‘A Pleasant Shade Of Grey’ non resta che ammutolire, di fronte al nuovo capitolo ‘ Disconnected’. Echi di creature mutanti di subconsci indifferenti addirittura al mondo esterno, coinvolti nella ricerca di un interiore che esorcizza e scandaglia l’uomo ed il suo io. La monster track, ‘Still Remains’ è un ottovolante impazzito che tocca corde inedite per chi si avvicina al disco premendo il tasto di riproduzione casuale, sedici minuti così ricchi e densi che ripropongono finalmente l’aggettivo progressive legato alla musica in modo appropriato. E come non perdersi nelle trame della conclusiva ‘Disconnected part two’, semplicemente indescrivibile? Ovviamente la band non ha rivoluzionato nulla, si è “limitata” a riprendere le coordinate già esplorate per portarle oltre, proponendo nuovi modi di guardare all’orizzonte che, a livello di proposta musicale, diventa sempre più lontano, sempre più estremo. Dove estremo non significa di impatto violento. Dove estremo significa anche insidioso strisciare. ‘Disconnected’ è un album che ha le coordinate al giusto posto, non c’è una nota di troppo, nemmeno l’innesto techno- rave in ‘Pieces Of Me’ o alcune divagazioni fra ‘Bredfan’ dei Budgie e certe atmosfere alla Pantera. Al solito, un disco che cresce pian piano, da prendere nel suo sviluppo dalla prima all’ultima traccia, da considerare un tutt’uno e non una serie di canzoni, che avviluppa come la stretta di un boa costrictor e rischia davvero di entrare direttamente nel cuore di parecchie persone. Da lì, statene certi, partirà alla volta della conquista del cervello, e gli effetti potrebbero essere devastanti. Unica cura, l’ abbandono. Possiamo sbilanciarci per le playlist di fine anno, questa volta davvero. Bentornati, ragazzi prog, ma progressivi per davvero!

Voto recensore
9
Etichetta: Massacre / Self

Anno: 2000

Tracklist: 01. Disconnected part one
02. One
03. So
04. Pieces Of Me
05. Something From Nothing
06. Still Remains
07. Disconnected part two

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login