Brian Robertson – Recensione: Diamonds And Dirt

Ha una storia ingombrante Brian Robertson, per non dire leggendaria, eppure “Diamonds And Dirt” è il suo primo album solista. Thin Lizzy e Motörhead nel suo portfolio, ma oggi, a 55 anni, sceglie di portarsi in primo piano. Accompagnato da Ian Haugland (Europe) alla batteria e da Nalley Påhlsson (Treat) al basso, si propone con una raccolta di cover e cinque pezzi inediti, e la partenza è di quelle col botto: davvero emozionante e sorprendente la title track che apre le danze su sonorità decisamente AOR e nella quale appare immediatamente il ruolo di primissimo piano della bravissima Liny Wood, molto più di una semplice corista.
Una partenza po’ fuorviante, a dire il vero, in parte perché l’album si regge in buona parte su rivisitazioni degli artisti e delle band con cui Robertson ha conosciuto la fama, in parte perché la qualità degli inediti non si mantiene su questi eccellenti livelli. Robertson privilegia il groove, riprendendo la lezione del maestro Lynott in “It’s Only Money” e nella palpitante “Mail Box”, davvero efficace e contagiosa, come pure la frizzante rilettura di “Running Back” (ma anche quella compresa tra le bonus track è imperdibile). Tra gli inediti, ordinari “Passion” e “Texas Wind”, mentre la più rilassata “Texas Wind” si poggia sinuosa su un riffing intrigante e l’ariosità di “That’s All…!” è una splendida chiusura della scaletta standard, prima del divertissement che risponde al nome di “10 Miles To Go On A 9 Mile Road” e delle due bonus track. Da segnalare, prima di chiudere, il reclutamento come cantante aggiuntivo di Leif Sundin (MSG).
La passione e il calore di cui “Diamonds And Dirt” trasuda sono, assieme alla personalità che consente di stravolgere alcuni classici minori, il valore aggiunto che lo rende un album da ascoltare con gioia e trasporto, con il suo mix contagioso di blues, rock classico e qualche spruzzata di AOR.

Voto recensore
7
Etichetta: Steamhammer/SPV

Anno: 2011

Tracklist:

01. Diamonds And Dirt
02. Passion
03. It’s Only Money
04. Mail Box
05. Running Back
06. Texas Wind
07. Devil In My Soul
08. Do It Till We Drop (Drop It)
09. Blues Boy
10. That’s All…!
11. 10 Miles To Go On A 9 Mile Road
12. Running Back
13. Ain’t Got No Money


1 Comment Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login