Header Unit

DGM – Recensione: Passing Stages – Live in Milan and Atlanta

Oltre vent’anni di carriera, nove album in studio, uno status quo in continua crescita e consolidamento che  ha reso i DGM un punto di riferimento per la scena Progressive Metal nostrana e internazionale. I cambi di line up non hanno di certo arrestato il cammino della band capitolina che, dopo la pubblicazione di un disco imponente come il precedente “The Passage” [questa la nostra recensione] che ha segnato anche il passaggio all’etichetta Frontiers Music Srl. Arriva a incorniciare questo sfavillante momento artistico il primo album dal vivo intitolato “Passing Stages: Live In Milan And Atlanta”.

Il cofanetto in oggetto contiene ben due dischetti: il primo immortala l’esibizione che ha visto i DGM protagonisti del Frontiers Metal Fest lo scorso 30 ottobre a Trezzo sull’Adda; il secondo, invece, ci riporta al 2014 durante lo show che la band ha tenuto durante il ProgPower USA nel 2014. Marco Basile (voce), Simone Mularoni (chitarra), Andrea Arcangeli (basso), Emanuele Casali (tastiere) e Fabio Costantino (batteria) concorrono a creare un sound compatto e deciso in grado di ricreare anche in sede live tutta la magia cristallizzata tra i solchi di album considerati, a pieno titolo, dei veri e propri capolavori.

La scaletta del primo disco è concentrata maggiormente sull’ultimo full lenght, quel “The Passage” che, uscito nel 2016, risuona ancora potente con le sue melodie ariose e un sound che non disdegna soluzioni più dure e dirette. L’apertura è affidata agli olti 15 minuti di “The Secret“, splendida suita divisa in due parti, in cui i singoli componenti dei DGM riescono a mettere in risalto il loro enorme bagaglio tecnico ed esecutivo, sfornando una prova sicura e coinvolgente. Si crea un eccellente feeling con il pubblico e l’istrionico Marco Basile, da grande aizzatore qual è, è un frontman perfetto. Una girandola di emozioni che vede un’alternanza tra brani nuovi e classici quali “Animal” o “Reason”, veri picchi di una serata indimenticabile.

Lasciamo Milano e il 2016 per spostarci nel 2014, ad Atlanta. La band aveva pubblicato da poco “Momentum” [questa la nostra recensione] e la setlist verte, oltre che su questo disco, anche su “Frame” [questa la nostra recensione]. Anche in questo caso la band capitolina sforna una prestazione superlativa, in cui esaltare brani più rocciosi e, al contempo, melodici, accattivanti, dal forte appeal e la reazione che suscita nel pubblico non rappresenta certo una sorpresa. Un viaggio attraverso il caleidoscopio di colori e sensazioni che brani quali “Void“, “Trust” o “Enhancement” riescono ancora a regalare. L’adrenalina scorre forte mentre i brani si susseguono martellanti e intensi come sempre. Una registrazione pulita e asciutta non svilisce il grande lavoro del gruppo e non sminuisce il contributo che ogni strumento apporta.

Passing Stages: Live In Milan And Atlanta” sarà disponibile, oltre che nel formato doppio CD, che in DVD/Blu-Ray, a riprova che i DGM sono una band che non lascia nulla al caso e che è in grado di confezionare solo prodotti di altissima qualità. Battere il ferro finché caldo, questo sembra essere l’adagio della band capitolina. E noi non possiamo che constatare che il ferro è rovente.

Voto recensore
8
Etichetta: Frontiers Music

Anno: 2017

Tracklist: CD1: 1. The Secret Part 1 2. The Secret Part 2 3. Animal 4. The Passage 5. Reason 6. Daydreamer 7. Disguise 8. Fallen 9. Ghosts Of Insanity 10. Hereafter CD2: 11. Void 12. Reason 13. No Looking Back 14. Universe 15. Numb 16. In A Movie 17. Repay 18. Heartache 19. Enhancement 20. Chaos 21. Trust 22. Brand New Blood
Sito Web: http://www.dgmsite.com/

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login