Dolls Of Pain – Recensione: Déréliction

“Déréliction” è il quinto studio album dei francesi Dolls Of Pain, una band che si pregia dell’etichetta di dark-electro-crossover, ma che più realisticamente si può annoverare tra I rappresentanti di un industrial melodico e club oriented. Forti comunque di dieci anni di esperienza, i nostri propongono un buon album di genere, di certo non destinato a ribaltare i codici espressivi dello stesso o a lasciare una traccia profonda, ma curato in ogni particolare e piacevole all’ascolto. Le canzoni di “Déréliction” sono permeate da un costante senso di malinconia che ben si addice a un panorama lirico che esplora i sentimenti umani nei loro molteplici aspetti, dall’amore alle insospettabili deviazioni. La band inanella una serie di tracce giocate su beats technoidi ossessivi e ripetuti, talvolta in grado di costruire melodie davvero piacevoli e avvincenti, sostenute a loro volta dalle harsh vocals. Il platter sarà di sicuro ben accolto dai frequentatori del dancefloor alternativo, ai quali l’album si rivolge sotto numerosi aspetti. Alcune tracce, come l’opener “Prophetic Signs”, “Désir Perfumé” e “She Said”, possiedono tutti gli elementi caratteristici del caso, ovvero una base elettronica muscolare e intrigante, un refrain efficace e tutto il pathos necessario per essere scelte dai Dj del settore. Esce dal coro “The Lovelace”, brano ancora orecchiabile ma nel quale entrano delle chitarre affilate. Segnaliamo inoltre che l’alternarsi di pezzi cantati in inglese e in francese, contribuiscono a dare una maggiore dinamicità al lavoro. Piacevoli, non ci sono grossi colpi di genio ma l’ascolto scorre bene e compie il proprio dovere nell’ambito dell’intrattenimento. Ricordiamo che “Déréliction” sarà disponibile anche in una ricca edizione limitata, contenente l’album, un secondo Cd di remixes, e un singolo in vinile 7” con due tracce inedite.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Advoxya / Audioglobe

Anno: 2013

Tracklist:

01.  Prophetic Signs
02.  Drugs On The Floor
03.  Désir Parfumé
04.  Déréliction
05.  Even More
06.  Kalte Wahrheit
07.  She Said
08.  Fetish Problem
09.  The Lovelace
10.  Nothing Can Destroy Me
11.  In Vain


Sito Web: http://www.dollsofpain.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login