Delain – Recensione: Lunar Prelude

Tornano i Delain con la formula dell’EP che va ad alternare ed anticipare quello che sarà il loro prossimo album schedulato per il 2016. “Lunar Prelude” è composto da due brani inediti, il rifacimento di un pezzo del precedente lavoro e quattro versioni live di canzoni tratte sempre da “The Human Contraddiction”, oltre ad una versione orchestrale, gioia di ogni fans del symphonic metal che si rispetti.

La prima cosa che visivamente notiamo è la rinnovata formazione a sei che vede l’ingresso alla seconda chitarra della minuta Merel Bechtold e il nuovo batterista Ruben Israël. “Suckerpunch” (video ufficiale) è il singolo trainante dell’opera, un concentrato di melodia orchestrazioni e potenza con cui la band ci ha sempre deliziato. Constatiamo come in questo brano sia il lato elettronico che quello di arrangiamenti sinfonici siano più enfatizzati rispetto al passato, forse una prova per la band nell’accentuare quest’amalgama per definire il suono che sentiremo nel prossimo album, di cui il leader Martin Westerholt ha annunciato alcuni cambiamenti. “Turn The Lights Out” malinconica semiballad mostra nuovamente il talento della bella Charlotte Wessels, vocalist ancora sottovalutata rispetto a molte sue più famose colleghe. Giungiamo alla nuova versione di “Don’t Let Go”, come detto il brano era presente solo nella versione doppio CD del precedente “The Human Contraddiction” e quindi passato in sordina rispetto la tracklist principale, a differenza dell’originale troviamo un arricchimento delle chitarre ed una maggior presenza dei synth come ad inizio dell’album. Le restanti tracce non sono che la proposta live di alcuni dei brani di “The Human Contraddiction”, non aggiungono nulla di nuovo ma credo abbiano lo scopo di mostrare lo stato di salute della nuova formazione durante le esibizioni, oltre che raggiungere il minutaggio necessario per cui il prodotto sia vendibile. Concludiamo con tre minuti scarsi della “Suckerpunch” in versione orchestrale, decisamente accattivante. A differenza del precedente EP “Interlude” non troviamo un DVD di accompagnamento che renderebbe certamente più appetibile l’acquisto.

“Lunar Prelude” è un album per i fans più accaniti, permette alla band di rinnovare i vari social network e mantenere una buona visibilità in un periodo in cui è spesso troppo facile rimanere sommersi nella marea di proposte ma, al contempo, ci fa ben sperare per il futuro dei Delain.

Delain - Lunar Prelude

Voto recensore
6,5
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2016

Tracklist: 1. Suckerpunch 2. Turn The Lights Out 3. Don’t Let Go (New Version) 4. Lullaby – (Live 2015) 5. Stardust – (Live 2015) 6. Here Come The Vultures – (Live 2015) 7. Army of Dolls – (Live 2015) 8. Suckerpunch Orchestra
Sito Web: www.delain.nl

Roberto Banfi

view all posts

Punk n roller con ispirazioni gotiche e tracce persistenti di untrue heavy metal, tra Billy Holiday e gli Einsturzende Neubauten sono incappato casualmente negli Iron Maiden. Sogno una collaborazione tra Varg Vikernes e Paolo Brosio. Citazione preferita: ""Il mio dio è più forte"" (Conan il barbaro).

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login