Rise To Fall – Recensione: Defying The Gods

Attesissima uscita quella dei Rise To Fall che con questo “Defying The Gods” vogliono confermare la loro presenza musicale anche in questo stranissimo 2012. Si definiscono “modern melodeath” ma basterebbe semplicemente riempire il campo del genere con due parole: In Flames. Eh si perchè fin da subito si evince una fortissima somiglianza, in alcuni punti si può tranquillamente parlare di plagio, con l’amatissimo gruppo svedese che tiene botta da più di vent’anni. L’album è senz’altro ben registrato e dimostra di essere stato curato fin nei minimi dettagli, ma a pochi mesi da “Sounds Of A Playground Fading” risulta essere un perfetto tributo di quest’ultimo.

“Ascend To The Throne” introduce questo “Defying The Gods” in maniera davvero poco originale, basti pensare che per diversi secondi è facile credere di ascoltare “Deliver Us”, brano introduttivo dell’ultimo degli In Flames! L’intro a base di synth, chitarra e voce ripercorrono di pari passo la struttura, lo stile e, a tratti, la melodia del brano sopra citato. Non vi sono elementi innovativi, rielaborazioni o altro che facciano pensare ad una canzone originale. “The Compass” prosegue questa scia ombrosa lasciando sempre più perplesso l’ascoltatore. Synth, salti da distorto a melodico, voce che si alterna tra un leggero growl e clean tirate e chitarre che ripetono all’infinito lo stesso giro compongono la ricetta di questo noioso brano che, fortunatamente, trova una sorta di riscatto sul finale. Stessa storia e stesso commento per i successivi brani che portano a soffermarsi su “Instruction Cycle” che spacca in due questo album introducendo, seppur in maniera lieve, una sorta di elaborazione melodica di ciò che di metal c’è nell’album. La ricetta è poco convincente salvo per l’assolo centrale che, pur essendo decisamente banale, risolleva un po’ il brano. Le tracce scorrono fino ad arrivare a “Defying The Gods”, brano che dà il titolo all’album. Il fatto che non voglia ripetermi implica che anche qui la novità non è di casa in nessuna forma e non può essere minimamente contestualizzata.

“Defying The Gods” è un album carino, ben registrato e i ragazzi ci sanno sicuramente fare, ma quello a cui si assiste non è un prodotto nuovo o un album originale e faticato, ma bensì la versione 2.0 degli In Flames.

Voto recensore
5
Etichetta: Coroner Records

Anno: 2012

Tracklist:

01. Ascend To The Throne
02. The Compass
03. Whispers Of Hope
04. Reject The Mould
05. Inflexible Kingdom
06. Instruction Cycle
07. Lost In Oblivion
08. Decoding Reality
09. Dare To Cross
10. Fall To Drama
11. Defying The Gods


Sito Web: www.facebook.com/risetofallofficial

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login