Deep Valley Blues – Recensione: Demonic Sunset

Band originaria di Catanzaro e attiva dal 2016, dopo la solita trafila di assestamenti di formazione e un’intensa attività live, dopo un omonimo EP del 2018, arrivano al primo full lenght, intitolato “Demonic Sunset” nel 2019.

Portabandiera di un potente stoner rock ricco di contaminazioni blues, si inseriscono con qualcosa da dire in una scena nazionale pur già molto ricca di proposte analoghe. Dopo la potente title track d’apertura, il rock blues vitaminizzato di “Dana Skully”, la strumentale “Lust Vegas” e la tirata ma articolata “Orange Yeah” sono ottimi esempi della loro proposta musicale. Le chitarre slide che introducono la cadenzata e blusey “Tired To Beg For” sono indice del fatto che le influenze musicali della band spaziano anche alle origini di un certo tipo di suono, e questo è un fattore che fa la differenza, come si evidenzia d’altronde nella conclusiva “Empire”, brano acustico con reminiscenze blues, folk e southern.

Una band che, oltre alle caratteristiche portanti del genere, di potenza e riff grossi che vanno a creare un grande wall of sound, riesce anche ad inserire delle linee vocali piacevoli e immediate e dei rimandi classic rock, ottenendo quindi una certa freschezza nella loro proposta che non è per nulla scontata.

Etichetta: Volcano Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Demonic Sunset 02. Black Out 03. Dana Skully 04. Lust Vegas 05. Orange Yeah 06. Follow The Buzzard 07. Tired To Beg For 08. Empire
Sito Web: https://www.facebook.com/deepvalleyblues

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login