Dee Snider – Recensione: We Are The Ones

Rabbioso, aggressivo, tagliente, con quel senso di intelligente ironia e sarcasmo che ha sempre contraddistinto Dee Snider dentro e fuori il contesto musicale, “We Are The Ones” sorprende per il sound moderno e ruvido, che riporta alla memoria l’approccio di un’altra leggenda del rock, Alice Cooper, sfoderato in occasione del potente “Brutal Planet”. Lo fa almeno per due terzi della scaletta di un lavoro breve (supera appena i 37 minuti) e che trova maggior vigore proprio nella scelta di sintesi operata dallo storico frontman dei Twisted Sister.

L’emblema del nuovo corso sta nella title track che apre l’album e suona come un manifesto, portandoci dentro un mondo fatto di messaggi forti, chiari e senza compromessi com’è tipico del carattere e della carriera musicale di Snider. La più solare “Over Again” è seguita dalla claustrofobica “Close To You”: emozioni diverse, per molti versi contrastanti, accomunate però da una grande freschezza, dalla scioltezza in panni che non sono quelli consueti e da un’immagine completamente diversa dallo stereotipo con cui il pubblico di massa spesso identifica il cantante. Che Snider sia complesso, del resto, lo dimostra pure la recente presa di distanze dall’amico Donald Trump, cui ha chiesto di non utilizzare “We’re Not Gonna Take It” per chiudere i comizi della campagna presidenziale, non condividendone molte delle idee…e proprio la hit dei Twisted Sister è riproposta in una stravolta versione acustica (già utilizzata in occasione di una campagna contro il cancro infantile) che ne conferma paradossalmente universalità e attualità del messaggio. Snider vuole, però, stare al passo coi tempi anche musicalmente, e lo dimostra qualche tentativo abbastanza riuscito, come quelle “Rule The World” e “Believe” che sembrano fare il verso ai 30 Seconds To Mars o “Crazy For Nothing” in cui il punto di riferimento piuttosto evidente sono i Foo Fighters di Dave Grohl. Altrove, vedi i fraseggi simil-rap di “Superhero” (il pluripremiato Damon Ranger, che collabora su testi e arrangiamenti, ha lavorato con Kanye West e si sente, nel bene e nel male), le cose funzionano di meno: meglio, a quel punto, la cover bella e “buona” di “Head Like A Hole” dei Nine Inch Nails, potente e precisa. Straordinario, invece, l’impatto emotivo dell’acustica “So What”, brano efficacissimo fatto di cuore e cervello e posto intelligentemente in chiusura.

Sicuramente non pane per i denti dei fan dei Twisted Sister, “We Are The Ones” è tuttavia perfettamente coerente con il percorso personale prima ancora che artistico di una figura carismatica ed intelligente come poche altre nel rockarama.

Dee snider we are the ones

Voto recensore
7
Etichetta: earMUSIC

Anno: 2016

Tracklist: 01. We Are The Ones 02. Over Again 03. Close To You 04. Rule The World 05. We're Not Gonna Take It 06. Crazy For Nothing 07. Believe 08. Head Like A Hole 09. Superhero 10. So What
Sito Web: http://www.deesnider.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login