Syrach – Recensione: Days Of Wrath

Interessante il lavoro dei Syrach, band dedita al recupero di sonorità doom death memori dei primi Amorphis. Nulla di nuovo sotto il sole ma la band dimostra di saperci fare in sede di songwriting, creando una serie di brani ben costruiti, mai banali e soprattutto attenti alla melodia. Chitarre ben assortite, accompagnate da una sezione ritmica varia al punto giusto, capace di sorreggere un suono mai claustrofobico strumentalmente, ma decisamente ostico vocalmente, forte del growl profondo ma intelligibile del singer. Tra i brani da segnalare l’ottima "Semper Ardens", egregiamente bilanciata tra l’ossatura impenetrabilmente doom e gli inserti di voce femminili, a far da contrappunto all’abissale voce maschile, il tutto decisamente appassionante. Ma è nel suo complesso che "Days Of Wrath" palesa il suo valore, tomo senza sbavature con la sola pecca di non introdurre nulla di nuovo, fondandosi su costrutti già ampiamente sfruttati. Ad ogni modo sufficienza piena a questi bardi vichinghi, abili nel dimostrare attitudine verso un genere di nicchia e fieri autori di un albo dal forte grado emozionale.

Voto recensore
6
Etichetta: Napalm / Audioglobe

Anno: 2007

Tracklist:
01. Are You Able To Breath Fire?
02. Semper Ardens
03. The Firm Grip Of Death
04. Stigma Diabolikum
05. Come Deamons
06. Nine Fallen Men
07. A Death Tear
08. The Twilight Enigma

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login