The Foreshadowing – Recensione: Days Of Nothing

Anche i romani The Foreshadowing danno prova di avere idee ben chiare su cosa significhino per loro la musica e la vita. Si legge infatti nelle loro note di presentazione : “The Foreshadowing rushed themselves into the abyss of the world in the fall of 2005”. Il genere proposto è quindi un gothic doom di stampo europeo, che si rifà a gruppi come My Dying Bride e Paradise Lost, con una voce perfettamente intonata allo stile che si intende proporre. Pur essendo al suo esordio, la band è composta da musicisti con esperienza alle spalle, e ha avuto modo di partecipare anche all’ultima edizione dello Stoned Hand Of Doom, tenutasi appunto a Roma, che ha dimostrato il valore e il buon potenziale del gruppo.

La pecca principale di “Days Of Nothing” è il suo soffermarsi praticamente per tutto il tempo su riff e ritmi troppo uguali gli uni agli altri, senza particolari cambi di velocità, mantenendo per tutto il tempo un andamento cupo, lento e solenne, che naturalmente si addice in pieno al genere, ma che, riproposto così di continuo senza la minima variazione, non può piacere sempre. Non a caso, i brani più interessanti risultano “Death Is Our Freedom”, in cui le chitarre elettriche danno un importante contributo ad arricchire la melodia, “Eschaton”, che inizia in modo lento e soffuso per poi acquistare man mano velocità, e “The Fall”, più complessa anche in funzione di alcuni cambi di ritmo. La produzione tende poi spesso a privilegiare gli strumenti sulla voce, che spicca in primo piano solo in “Ladykiller”, effetto comunque efficace soprattutto in presenza delle tastiere, che nel caso dei Foreshadowing hanno un ruolo fondamentale. In sintesi, un interessante debutto, per il cui seguito auspichiamo soprattutto una maggiore varietà strutturale e un maggiore risalto alla voce, sicuramente meritevole.

Voto recensore
6
Etichetta: Candlelight / Audioglobe

Anno: 2007

Tracklist:

1. Cold Waste
2. The Wandering
3. Death Is Our Freedom
4. Departure
5. Eschaton
6. Last Minute Train
7. Ladykiller
8. The Fall
9. Days Of Nothing
10. Into The Lips Of The Earth


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login