Dark Suns – Recensione: Everchild

I Dark Suns, freschi autori della loro quarta fatica “Everchild” (ancora per conto di Prophecy) esordirono come pseudo-cloni dei Pain Of Salvation una decina d’anni orsono insieme ad altre (forse più interessanti) band come Wolverine e Wastefall riuscendo anche a guadagnarsi uno slot come supporting act nel primo headliner tour di Gildenlöw & Co.

La band dei fratelli Knappe iniziò, col passare degli anni e acquisendo dimestichezza col mercato metal, a personalizzare il proprio sound tramite lavori come “Grave Human Genuine” e “Orange” (che si staccava ormai prepotentemente dagli esordi doom); andiamo quindi a sentire cos’hanno preparato per noi i tedeschi.

“The Only Young Ones Left” ricorda gli Amplifier con una curiosa comparsata di sax e  tromba ormai praticamente inglobati in lineup; anche “Spiders” e soprattutto “Escape With The Sun” (con più di un contatto coi Deadsoul Tribe di Devon Graves) continuano a rappresentare in musica mondi eterei e delicati tramite partiture soft e sottolineando una gran cura dei particolari.

Dopo tanta calma (e un po’ di noia obiettivamente) solo con “Codes” si inizia a distorcere il sound tornando a sonorità distorte per uno dei picchi dell’album; non è comunque una critica il fatto che i Dark Suns siano ora più meditativi e leggeri perché il tutto ci è presentato con gran classe e gusto per melodie non banali (“The Fountain Garden”).

Nella title track entra prepotentemente l’organo di Ekkehard Meister che ha decisamente cambiato il tiro dei nostri dal disco precedente mentre “Everchild” si chiude con la cover “Yes, Anastasia” di Tori Amos un prodotto di non facile presa, per una band che sembra aver trovato la propria strada (senza essere sconvolgente) dopo anni di semplici scopiazzature e poco appeal.

Dark_Suns_-_Everchild

Voto recensore
7
Etichetta: Prophecy Prod.

Anno: 2016

Tracklist: 01. The Only Young Ones Left 02. Spiders 03. Escape With The Sun 04. Monster 05. Codes 06. The Fountain Garden 07. Unfinished People 08. Everchild 09. Torn Wings 10. Morning Rain 11. Yes, Anastasia
Sito Web: https://www.facebook.com/darksuns/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login