Dark Funeral – Recensione: We Are The Apocalypse

Il ritorno dei maestri svedesi del black metal dopo sei anni di silenzio rappresenta senza dubbio un piccolo evento. Al di là del tempo di attesa relativamente lungo prima di ascoltare un nuovo disco dei Dark Funeral, le ragioni d’interesse sono molteplici. Da un lato il precedente lavoro dei nostri, “Where Shadows Forever Reign“, aveva favorevolmente impressionato i più, così come il debutto in studio dell’allora fresco cantante Heljarmadr. Dall’altro, il presente album vede una rinnovata sezione ritmica rispetto allo scorso platter.

Tra la ricerca di conferme e la curiosità per i nuovi elementi, l’ultimo lavoro della compagine capitanata da Lord Ahriman era insomma atteso al varco. Vediamo allora cosa il quintetto scandinavo ha saputo regalarci col presente “We Are The Apocalypse“.

L’attacco rappresentato dalla doppietta “Nightfall” e “Let The Devil In” è potente e suggestivo, preludio che lascia ben sperare per i minuti a venire. Una cosa, forse scontata, è comunque chiara da subito: la band non intende discostarsi dalla tradizione propria e di un intero genere, lasciando alla scuola della vicina Norvegia il compito di continuare a battere il sentiero della sperimentazione.

When Our Vengeance Is Done” già annoia un po’, ma “Nosferatu“, col suo richiamo ai mai dimenticati Dissection, rialza subito le quotazioni. Il mid-tempo “When I’m Gone” funziona invece bene come rallentamento che prepara il terreno al turbinio delle ottime “Beyond The Grave” e “A Beast To Praise“. L’arpeggiata “Leviathan” è di nuovo un episodio non molto brillante; la title track posta a sigillo del disco chiude però il discorso con la giusta dose di atmosfera e cattiveria.

Concludiamola in maniera semplice: anche se non esente da difetti, “We Are The Apocalypse” è un album gradevole e riuscito. I die-hard fan del black metal oltranzista lo apprezzeranno parecchio, i detrattori non mancheranno, ma a nostro parere ai Dark Funeral del 2022 non si poteva chiedere qualcosa di troppo diverso. Rispettiamo dunque quest’istituzione quasi trentennale della scena estrema, godendoci la malvagità che ancora scaturisce dai solchi dei loro platter.

Etichetta: Century Media Records

Anno: 2022

Tracklist: 01. Nightfall 02. Let The Devil In 03. When Our Vengeance Is Done 04. Nosferatu 05. When I’m Gone 06. Beyond The Grave 07. A Beast To Praise 08. Leviathan 09. We Are The Apocalypse
Sito Web: https://www.darkfuneral.se/

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login