Crystal Ball – Recensione: Déjà-Voodoo

Gli svizzeri Crystal Ball nonostante la lunga militanza nella scena e una serie di album sotto prestigiose etichette non sono mai riusciti a fare il salto necessario a portare il loro monicker sulla bocca di tutti. Con questo Déjà-Voodoo, nono album di carriera, tornano all’attacco con un disco decisamente valido.

La graffiante voce di Steven Mageney ci guida tra gli 11 brani (13 nella versione digipack) che compongono Déjà-Voodoo. Dopo una serie di album decisamente anonimi i Crystal Ball affinano il songwriting e ci offrono piccole perle come “Director’s Cut” e “Never A Guarantee” che giocano tra hard rock ed heavy melodico. Le band di riferimento sono ovviamente quelle con cui i Crystal Ball hanno girato il globo come supporter in questi anni, troviamo quindi: Bonfire, Gotthard, The Poodles.

In fase di produzione pecca il suono delle chitarre ritmiche risultando a tratti troppo artefatto e freddo. Funziona nella più epica e moderna “Reaching Out” ma in molte canzoni come “To Freedom And Progress” gli axemen, Scott Leach e Tony “T.C.” Castell, avrebbero acquistato decisamente punti con un uso migliore delle dinamiche.

Tra i brani migliori segnaliamo la doppietta di chiusura composta dalla rampante Dr. Hell No” e “To Be With You Once More”, una canzone che ci riporta i fasti delle migliori ballad anni ’80.

I Crystal Ball riescono a sfornare un album godibilissimo dall’inizio alla fine, la scelta in fase di produzione di alcune sonorità non mina la qualità del lavoro che forse permetterà al combo svizzero la visibilità tanto agognata.

Crystal Ball - Deja-Voodoo

Voto recensore
7,5
Etichetta: Massacre Records

Anno: 2016

Tracklist: 1. Déjà-Voodoo 2. Director's Cut 3. Suspended 4. Never A Guarantee 5. Reaching Out 6. Home Again 7. To Freedom And Progress 8. Time And Tide 9. Without A Net 10. Full Disclosure (*) 11. Fools' Parade (*) 12. Dr. Hell No 13. To Be With You Once More (*) Digipak Bonus
Sito Web: http://www.crystal-ball.ch

Roberto Banfi

view all posts

Punk n roller con ispirazioni gotiche e tracce persistenti di untrue heavy metal, tra Billy Holiday e gli Einsturzende Neubauten sono incappato casualmente negli Iron Maiden. Sogno una collaborazione tra Varg Vikernes e Paolo Brosio. Citazione preferita: ""Il mio dio è più forte"" (Conan il barbaro).

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login