Crobot – Recensione: Motherbrain

Non voglio  deludervi, ma “Motherbrain” purtroppo non è il nuovo disco di un resuscitato Chris Cornell, per quanto lui, buonanima, non ne avrebbe disdegnato la paternità. Al quarto album (sono passati tre anni dal precedente “Welcome to Fat City“) distinguere i Crobot dai modelli a cui si ispirano risulta un’impresa ardua: ci sono i primi Audioslave, quelli immersi fino alle pudenda negli anni ’70 (“Burn“, “Gasoline” e “Keep Me Down“, accompagnato da un grazioso videoclip che ironizza sulle accuse di scarsa originalità mosse loro dal web), i Soundgarden affascinati dalla psichedelia hard rock di “Superunknown” (“Drown“, la suadente ballata “Stoning the Devil“), quelli più oscuri e blues (“Alpha Dawg“, “Destroyer“, la conclusiva “The Hive“, che a dispetto di un ritornello piuttosto risaputo si riabilita con un suono pastoso e smaccatamente grunge) e persino quelli tentati dal singolo facile (“Blackout“, praticamente il catalogo di tutte le potenzialità vocali di Brandon Yeagley, l’ammiccante passo blues di “Afterlife” ed il singolo “Low Life“, sostenuto da una bella melodia e da un gran giro di basso). Alla fine del disco si rimane combattuti nel giudizio, perché se da una parte la scrittura e gli arrangiamenti soffrono una sudditanza psicologica quasi imbarazzante nei confronti della scena di Seattle, dall’altra le canzoni possiedono quella freschezza che Cornell sembrava aver perduto già alla fine degli anni ’90, tanto che “Destroyer” o “Burn” potrebbero finire nel debutto degli Audioslave senza alcun timore di sfigurare, o addirittura nobilitare “King Animal“. Per quel che posso dire a proposito, considero “Motherbrain” (prodotto da Corey Lowery dei Seether) un lavoro piacevolmente calligrafico, al limite dell’imitazione, a cui è complicato muovere critiche gravi, se non quella di far sembrare gli Airbourne dei rivoluzionari intransigenti.

Etichetta: WMG

Anno: 2019

Tracklist: 01. Burn 02. Keep Me Down 03. Drown 04. Low Life 05. Alpha Dawg 06. Stoning The Devil 07. Gasoline 08. Destroyer 09. Blackout 10. After Life
Sito Web: https://crobotband.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login