Cripple Bastards – Recensione: La Fine Cresce Da Dentro

Per celebrare i trent’anni d’attività i Cripple Bastards volano a Goteborg presso i Fredman Studios, dove registrano il settimo full-length in carriera con il magistrale ausilio del grande Fredrik Nordström (produttore tra gli altri di At The Gates e Dark Tranquillity). Il risultato prende il suggestivo nome di “La Fine Cresce Da Dentro” ed è un album che ben ci descrive il lungo e variegato cammino di questa fondamentale realtà della scena estrema italiana.

Il nuovo disco della band piemontese non tradisce affatto il marchio di fabbrica della casa, le cui componenti basilari restano sempre un grindcore furioso e abrasivo e dei testi caustici cantati rigorosamente in lingua madre. Una produzione nitida e potente, ben lontana da certe tendenze underground, una tecnica che si è fatta molto precisa e sprazzi più vicini al death a emergere qua e là ci restituiscono però anche un gruppo maturo, che è stato in grado di evolvere e variare in maniera intelligente la propria proposta.

Tra i solchi di questo platter possiamo allora seguire da un lato un percorso più oltranzista e brutale, che ha inizio con i 16 secondi dell’iniziale “Suicidio Assistito” e si sviluppa attraverso tracce quali “Ombra Nell’Ombra”, “Nervi In Guerra” e il blocco di quattro pezzi puramente grind che va da “Interrato Vivo” a “Decessi Per Cause Sconosciute”. Dall’altro possiamo trovare rallentamenti e momenti più ragionati ad alternarsi alla consueta cattiveria, scelta stilistica che rintracciamo in brani più elaborati come “Non Coinvolto”, “La Memoria Del Dolore”, “Passi Nel Vuoto”, “Crimine Contro L’Immagine” e “Crociati Del Mare Interno”.

Al termine dell’ascolto possiamo dunque dire di aver appena assaporato un lampante esempio di metal estremo originale e interpretato in maniera moderna, per nulla scontato e monotono. “La Fine Cresce Da Dentro” dei Cripple Bastards è tutto questo e non lascia alcun dubbio sul valore e la costanza delle leggende del grindcore di casa nostra.

Voto recensore
8
Etichetta: Relapse Records

Anno: 2018

Tracklist: 01. Suicidio Assistito 02. Non Coinvolto 03. La Memoria Del Dolore 04. Passi Nel Vuoto 05. Ombra Nell’Ombra 06. Due Metà In Un Errore 07. Chiusura Forzata 08. Dove Entra Il Coltello 09. Crimine Contro l’immagine 10. Narcolessia Emotiva 11. Nervi In Guerra 12. Sguardo Neutro 13. Interrato Vivo 14. Equilibrio Ansiogeno 15. Quali Sentieri 16. Decessi Per Cause Sconosciute 17. Recidive 18. Crociati Del Mare Interno
Sito Web: https://www.cripple-bastards.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login