Crimson Dawn – Recensione: At The Cemetery Gates (EP)

L’atteso secondo full-length dei Crimson Dawn vedrà la luce solo nel 2016, ma nel frattempo la band di Dario Beretta (Drakkar) ha deciso di ingannare l’attesa dei propri fan fornendo loro un gustoso antipasto. Registrato ancora una volta presso l’Elnor Studio dell’ormai fedelissimo Mattia Stancioiu, il presente EP “At The Cemetery Gates” è già in grado di mostrarci con efficacia l’heavy/doom a tinte epiche del gruppo italiano. Le quattro tracce presentate, tutte inedite, sono infatti un bell’esempio della proposta dell’ensemble.

Il pezzo dalle movenze sabbathiane “Agarthi” apre alla grande, rivelandosi un brano massiccio e solenne, ma che sfocia in un refrain molto immediato; “The Suffering” è poi una canzona ancora più cupa e doom, melodica e malinconica. La title track è invece un’emozionante ballad per pianoforte con sottofondo di violini, che non avrebbe certo sfigurato all’interno di un disco power. Chiude le danze “Checkmate In Red”, traccia live registrata al Malta Doom Festival del 2014 e proposta su disco per la prima volta.

At The Cemetery Gates” rappresenta insomma un ottimo biglietto da visita per il nuovo album dei Crimson Dawn. Vista la qualità espressa in questo dischetto “aperitivo”, l’attesa per il vero e proprio secondo platter della band si fa ancora più impaziente. Arrivederci dunque al prossimo anno per scoprire cos’hanno ancora in serbo per noi Dario Beretta e compagni!

Voto recensore
7
Etichetta: Autoprodotto

Anno: 2015

Tracklist:

01. Agarthi
02. The Suffering (Chronicles Of An Undead Hunter, Pt. I)
03. At The Cemetery Gates
04. Checkmate In Red (Live at Malta Doom 2014)


Sito Web: https://www.facebook.com/Crimsondawnmetal?fref=ts

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login