Karnya – Recensione: Coverin’ Thoughts

Negli anni ’90, proprio mentre si iniziava a parlare dell’emergente filone prog metal, un’etichetta europea si fece largo a suon di ottimi prodotti musicali: la WMMS, famosa per il suo motto “Music Is Intelligence”. Uno dei migliori prodotti pubblicati dalla label di Peter Wustmann fu senza dubbio “Gaze Into The Light” dei romani Zen (1997) e proprio da una costola di quella band nascono i Karnya, gruppo che con “Coverin’ Thoughts” sforna davvero un lavoro esemplare da tutti i punti di vista.

Il tastierista/ideatore Dario Di Pasquale dà origine ad una realtà musicale dal taglio decisamente più moderno rispetto alla sua vecchia band, con la chitarra di Riccardo Nardocci in primo piano; è assolutamente da rimarcare il cantato proprio di questo musicista che è di livello eccelso anche perché non si concentra solo sulle parti pulite e sulle doti interpretative (la power ballad “Fallen Angel”) ma innerva il tutto anche con ampie dosi di aggressività (“Flooding Blood”, “Ego’s End”) alla maniera di Russell Allen (Symphony X, Adrenaline Mob).

I Karnya sono sicuramente una delle band più interessanti sentite ultimamente nel comparto prog metal italiano (e non solo) e si possono riallacciare stilisticamente a realtà come Kingcrow, Neverdream e nelle partiture più moderne agli ultimi Cayne (“Stronger”); l’album è davvero godibile dall’inizio alla fine (cosa che capita davvero di rado ultimamente) e non possiamo esimerci dal fare i complimenti alla Bakerteam Records per aver puntato su questa band nostrana di “bellissime” speranze.

Voto recensore
8
Etichetta: Bakerteam

Anno: 2013

Tracklist:

01. Mechanical Mixtures

02. Flooding Blood

03. Coverin’ Thoughts

04. Wait 4 More

05. Fallen Angel

06. Stronger

07. Where The Silence Remains

08. Sliver

09. Hariel

10. Ego’s End

11. A Paraphreniac Menticide

12. Still Alive


Sito Web: http://www.facebook.com/karnyaband?group_id=0

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Livio

    Capolavoro assoluto…da avere assolutamente!!!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login