Valkyrja – Recensione: Contamination

La ristampa di “The Invocation of Demise” da parte della Metal Blade ci aveva fatto scoprire l’ottimo debutto degli svedesi Valkyrja, fautori di un black metal molto corposo ed epico. Visto il precedente lavoro c’era grande attesa per “Contamination”, nuovo lavoro sempre per Metal Blade, solo in minima parte però ripagata. Chi si aspettava che la band avrebbe continuato a puntare su quella vena epica e battagliera che caratterizzava il debutto, resterà amaramente deluso. Infatti il nuovo lavoro, sebbene contiguo ad “Invocation”, si distingue per un sound molto più compatto e più orientato all’impatto ed al wall of sound, piuttosto che agli arrangiamenti ed al songwriting. Scelta non molto favorevole alla band considerando anche l’elevato minutaggio dei brani, che finiscono per essere prolissi. “Contamination” non è sicuramente un brutto album, ma senza dubbio non risulta all’altezza del suo predecessore, appiattendo la proposta ad una mera riproposizione del sound dei connazionali Naglfar. Un album timido che bombarderà l’ascoltatore in fase live ma che si scontra con un mercato saturo (e stanco). Dignitosi ma niente di più.

Voto recensore
6
Etichetta: Metal Blade / Audioglobe

Anno: 2010

Tracklist: 01. Advent…
02. Oceans to Dust
03. Catharsis (Contaminate the Earth)
04. Solstice in Withdrawal
05. Laments of the Destroyed
06. Ambience of the Dead
07. The Womb of Disease
08. Welcoming Worms
09. A Cursed Seed in the World
10. The Adversarial Incentive Within All

Sito Web: http://www.myspace.com/valkyrjaswe

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login