Heartland – Recensione: Communication Down

Ennesima uscita per gli Heartland, una band in verità tutt’altro che fondamentale nel panorama musicale moderno. Fino ad ora infatti i lavori pubblicati non avevano certo stupito per personalità e riuscita impeccabile. Questo ‘Communication Down’ ha però il pregio di rappresentare un deciso passo avanti rispetto alla produzione precedente, aiutato da un certo indurimento delle sonorità che si discostano in parte dall’ A.o.r. più pomposo, per approdare su territori maggiormente energici e convincenti, E’ il caso ad esempio dell’opener ‘Imagine My Surprise’ e della bella ‘Follow Me’, dove non manca comunque una riuscita melodia decisamente radio-oriented. Si materializza a più riprese il fantasma dei Bad Company tra queste tracce digitali, e la cosa non può che fare piacere a tutti gli amanti della melodia abbinata al rock. Qualche battuta a vuoto sparsa qua e là impedisce però al giudizio finale di crescere ulteriormente e raggiungere livelli elevati. Non è il caso quindi di gridare al miracolo, ma fa indubbiamente piacere constatare come qualche buona canzone riesca sempre e comunque a salvarci dall’inevitabile abbrutimento della noia imperante.

Etichetta: Escape / Frontiers

Anno: 2002

Tracklist: Imagine My Surprise / Follow Me / The Man In The Iron Mask / The Best Of Times / Fight The Good Fight / Time And Tide / The Bottom Line / Black And White / Refugee / All Her Own Way / Classical Blast

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login