Charred Walls Of The Damned – Recensione: Cold Winds On Timeless Days

Tornano sul mercato col loro secondo album i Charred Walls of the Damned, una sorta di supergruppo capitanato dal batterista Richard Christy, che vede coinvolti altri pezzi da novanta della scena metal, come il bassista Steve Di Giorgio e Tim Owens dietro al microfono. Proprio la buona prestazione vocale di “Ripper” è uno dei punti di forza di “Cold Winds On Timeless Days”, ma da sola non basta: a causa di melodie molto intricate i primi due pezzi sono ai limiti dell’astruso. E’ con “Zerospan” che abbiamo la prima mazzata: drumming martellante da una parte e la voce dall’altra, tanto che a volte il cantante e la band sembrano procedere su binari differenti. “Forever Marching On” presenta ancora una struttura intricata ma, almeno stavolta, abbiamo un buon ritornello e chitarre maideniane in evidenza. Un altro momento particolare ce lo regala “The Beast Outside My Window”: l’inizio sognante e bucolico fa pensare a certo rock melodico anni ’80, che successivamente si trasforma in un’altra cavalcata guidata dal buon Christy. Indubbiamente la hit dell’album è “Bloodworm”, dove il ritmo si fa cadenzato e maestoso e troviamo finalmente un gruppo compatto, non solo quattro talenti solisti messi insieme. Ciò ci fa pensare che la band si esprima al meglio sui mid tempo piuttosto che nelle accelerazioni estreme, soprattutto perchè anche Owens risulta convincente in questo contesto tipicamente heavy metal.

 

Atipici, a volte caotici, i Charred Walls of the Damned riescono a strappare una sufficienza striminzita giusto per la bellezza di un paio canzoni. Ma il resto sono solo un mare di sbadigli ipertecnici.

Voto recensore
6
Etichetta: Metal Blade

Anno: 2011

Tracklist:

01. Timeless Days

02. Ashes Falling Upon Us

03. Zerospan

04. Cold Winds

05. Lead The Way

06. Forever Marching On

07. Guiding Me

08. The Beast Outside My Window

09. On Unclean Ground

10. Bloodworm

11. Admire The Heroes

12. Avoid The Light


Sito Web: http://www.myspace.com/charredwallsofthedamned

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login