Danzig – Recensione: Circle Of Snakes

Abbandonate definitivamente le velleità industriali e sperimentali e rinnovato il sodalizio con Tommy Victor dei compianti Prong, Danzig torna in pista sfornando l’ottavo album della sua carriera solista.

‘Circle Of Snakes’ è decisamente in linea con quanto prodotto finora da Glenn, a partire dall’artwork erotico-orrorifico-gigeriano, per arrivare alle tematiche oscure delle canzoni, passando per 11 brani acidi e taglienti, che rappresentano un tentativo di ritorno alle prime produzioni soliste. Rispetto al passato recente c’è stata una virata verso suoni più ruvidi, complice soprattutto la secchissima chitarra di Tommy, e brani ulteriormente rallentati e sofferti, a tratti quasi doom; non mancano episodi più aggressivi come ‘HellMask’, ma in generale le atmosfere sono piuttosto rarefatte. Naturalmente c’è sempre un occhio alla melodia dei brani, quasi tutti dotati di un ritornello orecchiabile e memorizzabile; il tutto condito dalla caratteristica voce di Danzig, anch’essa più cantilenante e salmodiante che in passato, pur se spesso sacrificata al resto degli strumenti in fase di mixaggio (pur essendo la produzione curata dallo stesso Glenn); scelta quantomeno discutibile che porta spesso il cantato a scomparire sommerso dalla base musicale.

La produzione è in effetti la pecca principale dell’album, con suoni molto impastati e difficilmente distinguibili; probabilmente una scelta per rendere il lavoro ancora più ruvido e penetrante, ma con un eccesso di zelo nell’applicazione di un sound sporco e malefico. Bisogna dunque un po’ entrare nello spirito di questo lavoro, e farsi coinvolgere da questa atmosfera che al primo ascolto suona semplicemente casereccia e poco professionale; approfondendo si scoprono brani validi e di atmosfera, che certo non aggiungono nulla quanto già prodotto dal nostro ma che risultano sicuramente di effetto; certo una maggiore accuratezza nei suoni avrebbe giovato all’insieme.

Voto recensore
6
Etichetta: Regain/Self

Anno: 2004

Tracklist: 01. Wotans Procession
02. Skincarver
03. Circle Of Snakes
04. 1000 Devils Reign
05. Skull Forrest
06. HellMask
07. When We Were Dead
08. Night, BeSodom
09. My Darkness
10. NetherBound
11. Black Angel, White Angel

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login