Header Unit

Therion – Recensione: Celebrators Of Becoming

‘Celebrators Of Becoming’ è un’opera di una vastità impressionante (ben 4 DVD per una durata complessiva di dieci ore, più due CD) che raccoglie i quasi vent’anni di storia dei Therion, l’act di metal operistico per eccellenza.

Il lavoro è un ampio documentario che ripercorre la storia della band dagli esordi death metal fino alle produzioni più recenti, attraverso le performance dal vivo, i videoclip, le apparizioni televisive.

Il promozionale in nostro possesso è per ovvie ragioni una demo che contiene solo alcuni spezzoni dei live show (citiamo ‘To Mega Therion’ eseguita a Città Del Messico e ‘Rise Of Sodom And Gomorrah’) e il video della splendida ‘Summercity Night’, ottimamente girato con un severo bianco e nero e una pellicola sfocata che omaggia il cinema degli anni venti. Da quanto abbiamo avuto occasione di vedere, la qualità audio e video di ‘Celebrators Of Becoming’ è assolutamente ottima, così come la grandezza di questa raccolta, un’opera omnia che non deve mancare nella collezione dei fan più accaniti degli svedesi.

Per il contenuto dei DVD vi rimandiamo alla track list in basso a sinistra (dalla quale omettiamo i titoli per ragioni di spazio) ricordandovi che ‘Celebrators Of Becoming’ sarà disponibile in due versioni, un lussuoso digipack ed una più economica. Rinnoviamo ai fan l’invito a non lasciarsi sfuggire il lavoro più completo di Christofer Johnsson e soci, sperando che il costo di una raccolta tanto vasta sia accessibile alle tasche comuni.

Etichetta: Nuclearblast / Audioglobe

Anno: 2006

Tracklist:

DVD 1: Live In Mexico City 2004
DVD 2: Therion’s Own Documentary From The Last World Tour
DVD 3: Various. All Videoclips, TV Performance, The Golden Embrace, A Show Recorded At Wacken Oper Air 2000 And More
DVD 4: Historical Disc, A Collection Of Bootleg Recordings Of Songs From 1989-2001 With Comments From The Band
CD 1: Live In Mexico City (Disc 1)
CD 2: Live In Mexico City (Disc 2)


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login