Celebrator - Rare Tracks

Voto
recensore

7

Voto
utenti

-

Celebrator – Rare Tracks

U.D.O.

Track Listing

CD 1: 01. Stormbreaker (“Rev-Raptor” Japan BONUS), 02. Tallyman (Taken from the “Rev-Raptor” recording session), 03. Run! (Remix), 04. Free Or Rebellion (bonus “Leatherhead” Single), 05. Bleeding Heart (“Dominator” Japan bonus),06. The Silencer (Taken from the “Dominator” recording session), 07. Bodyworld (bonus “Infected” Single), 08. Systematic Madness (bonus “Infected” Single), 09. HAMMERFALL feat. Udo Dirkschneider – Head Over Heels, 10. Balls To The Wall (piano version), 11. Artificialized (Taken from the “Mastercutor” recording session), 12. LORDI feat. Udo Dirkschneider – They Only Come Out At Night, 13. Streets Of Sin (bonus “Wrong Side Of Midnight” single)
CD 2: 01. Tears Of A Clown (“Classical Version”), 02. Man A King Ruler (“Mastercutor” Japan bonus), 03. Hardcore Lover (remix from “24/7″ single), 04. Scream Killers (bonus “24/7″ single), 05. U.D.O. feat. Faktor2 – Platchet Soldat (remix with national Russian artist), 06. Borderline (“Thunderball” Japan bonus), 07. U.D.O. feat. Doro – Dancing With An Angel (remix), 08. X-T-C (remix from “A Tribute To ACCEPT Vol. 2″), 09. Azrael (remix from “No Limits”), 10. The Key (remix from “No Limits” Japan bonus), 11. Metal Gods (from “A Tribute To Judas Priest”), 12. RAVEN feat. Udo Dirkschneider – Born To Be Wild

Vota questo album:

Come lascia intendere il titolo questo non è il nuovo album del piccolo grande eroe del metal tedesco, ma un disco celebrativo che raccoglie materiale di reperibilità non più così semplice, estratto inedito da sessions di album recenti o anche solo song inseriti in edizioni particolari come quelle giapponesi che costringono i fan a esborsi notevoli per essere recuperate.

Un modo che ci pare più che condivisibile per festeggiare i 25 anni di attività e che vista la lunga tracklist suddivisa su due dischetti (ma venduti a prezzo di singolo) ci pare poter essere considerato un piccolo regalo anche a quei follower che non hanno intenzione di collezionare ogni singola uscita, ma a cui farà piacere poter ascoltare materiale per loro inedito.

Stiamo comunque parlando di una serie di song che sono state in qualche modo “aggiunte” come bonus e quindi non sono probabilmente i pezzi di punta del periodo storico di riferimento, ma allo stesso tempo va riconosciuto a Udo e compagnia di non aver mai inciso brani che potessero in qualche modo essere definiti scarti veri e propri. Al massimo si tratta di appendici non indispensabili, ma che per un vero “fanatic” restano comunque di sicuro gradimento.

Nella lunga schiera proposta la nostra personale scelta si posa su “Systematic Madness”, uno dei brani più belli contenuti nei singoli a nostro giudizio, il roccioso inedito “Artificialized”, il riff stoppato e l’incedere marziale di “Stormbreaker” e la ottima e leggermente più melodica“Man A King Ruler” (del periodo “Mastercutor”, il migliore degli album recenti).

Al contrario non ci paiono molto entusiasmanti le collaborazioni, le cover e la versione al piano di “Balls To The Wall”, la cui inclusione ci pare animata solo dal desiderio di non lasciar fuori nulla di ciò che si potesse cacciar dentro.

Inutile star lì a far troppo rumore su operazioni come questa: ognuno valuterà se è conveniente o meno aggiungere “Celebrator” alla propria collezione, ma quel che è sicuro è che il buon vecchio Dirkschneider non cerca di prendervi per i fondelli. Qui la qualità e la quantità ci sono a sufficienza da valere almeno la pubblicazione e valutare l’acquisto.

 

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login