Cauldron – Recensione: In Ruin

Definire standard e poco originale il sound dei Cauldron sarebbe poco. I tre canadesi ricordano da vicino una di quelle formazioni heavy metal degli anni ’80 che rincorrevano il successo emulando i grandi nomi del momento, ma erano destinati a non superare la scrematura e a rimanere relegati nelle retrovie. A differenza di suoi contemporanei in vena di revival ottantiano quali Enforcer e Steelwing la band non può nemmeno vantare doti tecniche e compositive particolarmente sopraffine, per cui il suo quarto album “In Ruin” risulta davvero insapore.

Come già avrete immaginato, il disco si compone di nove classicissime e scontate canzoni di un heavy metal che è più tradizionale del panettone a Natale. L’andamento generale di questi brani è sciatto e non provoca il minimo sussulto, la vocina e l’interpretazione adolescenziale del cantante/bassista Jason Decay non aiutano di certo. Si salvano giusto qualche discreta melodia qua e là (vedi “Empress” e “Hold Your Fire”) e un paio di attacchi più incalzanti della norma, come nel caso di “Burning At Both Ends” e “Santa Mira”, che portano a pezzi abbastanza riusciti. Da citare con un sorriso l’autoplagio che avviene nelle banali “Corridors Of Dust” e “Delusive Serenade”, due tracce che iniziano con un arpeggio di chitarra praticamente identico e che astutamente sono pure state messe una di fila all’altra. Su tutto il resto è meglio soprassedere.

La formazione canadese non riesce nemmeno questa volta a risollevare il livello mediocre riscontrato, purtroppo, già in occasione delle precedenti uscite. Alla nostra un po’ crudele ma sincera disamina c’è poco altro da aggiungere: dalla loro i Cauldron hanno solo l’entusiasmo e il nuovo disco “In Ruin” è di nuovo un platter deludente.

Cauldron - In Ruin

Voto recensore
4
Etichetta: High Roller Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. No Return / In Ruin 02. Empress 03. Burning At Both Ends 04. Hold Your Fire 05. Come Not Here 06. Santa Mira 07. Corridors Of Dust 08. Delusive Serenade 09. Outrance
Sito Web: www.facebook.com/CAULDRONmetal

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Rick

    A me questo disco sta piacendo tantissimo, peccato che ne parliate tutti così male. All’interno della scena retrometal I Cauldron come gli Enforcer sono tra quelli che migliorano ad ogni disco e che oltretutto hanno il mix più personale di vecchi elementi, cui la ‘vocina’ di Jason contribuisce non poco. Ma fosse per voi i cantanti True Metal dovrebbero avere tutti la stessa voce. Preferite ascoltarvi emerite truzzate come Sabaton e Avenged Sevenfold? Fate pure…Saranno tutti idioti quelli che come me stanno impazzendo dietro questo disco (per la cronaca, ascolto di tutto)?

    Reply

Rispondi a Rick Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login