Cauldron – Recensione: In Ruin

Definire standard e poco originale il sound dei Cauldron sarebbe poco. I tre canadesi ricordano da vicino una di quelle formazioni heavy metal degli anni ’80 che rincorrevano il successo emulando i grandi nomi del momento, ma erano destinati a non superare la scrematura e a rimanere relegati nelle retrovie. A differenza di suoi contemporanei in vena di revival ottantiano quali Enforcer e Steelwing la band non può nemmeno vantare doti tecniche e compositive particolarmente sopraffine, per cui il suo quarto album “In Ruin” risulta davvero insapore.

Come già avrete immaginato, il disco si compone di nove classicissime e scontate canzoni di un heavy metal che è più tradizionale del panettone a Natale. L’andamento generale di questi brani è sciatto e non provoca il minimo sussulto, la vocina e l’interpretazione adolescenziale del cantante/bassista Jason Decay non aiutano di certo. Si salvano giusto qualche discreta melodia qua e là (vedi “Empress” e “Hold Your Fire”) e un paio di attacchi più incalzanti della norma, come nel caso di “Burning At Both Ends” e “Santa Mira”, che portano a pezzi abbastanza riusciti. Da citare con un sorriso l’autoplagio che avviene nelle banali “Corridors Of Dust” e “Delusive Serenade”, due tracce che iniziano con un arpeggio di chitarra praticamente identico e che astutamente sono pure state messe una di fila all’altra. Su tutto il resto è meglio soprassedere.

La formazione canadese non riesce nemmeno questa volta a risollevare il livello mediocre riscontrato, purtroppo, già in occasione delle precedenti uscite. Alla nostra un po’ crudele ma sincera disamina c’è poco altro da aggiungere: dalla loro i Cauldron hanno solo l’entusiasmo e il nuovo disco “In Ruin” è di nuovo un platter deludente.

Cauldron - In Ruin

Voto recensore
4
Etichetta: High Roller Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. No Return / In Ruin 02. Empress 03. Burning At Both Ends 04. Hold Your Fire 05. Come Not Here 06. Santa Mira 07. Corridors Of Dust 08. Delusive Serenade 09. Outrance
Sito Web: www.facebook.com/CAULDRONmetal

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Rick

    A me questo disco sta piacendo tantissimo, peccato che ne parliate tutti così male. All’interno della scena retrometal I Cauldron come gli Enforcer sono tra quelli che migliorano ad ogni disco e che oltretutto hanno il mix più personale di vecchi elementi, cui la ‘vocina’ di Jason contribuisce non poco. Ma fosse per voi i cantanti True Metal dovrebbero avere tutti la stessa voce. Preferite ascoltarvi emerite truzzate come Sabaton e Avenged Sevenfold? Fate pure…Saranno tutti idioti quelli che come me stanno impazzendo dietro questo disco (per la cronaca, ascolto di tutto)?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login