Casablanca – Recensione: Miskatonic Graffiti

Tre su tre: i Casablanca prendono una direzione diversa rispetto ai primi due lavori, ma non ne risente il livello qualitativo, ancora una volta eccellente. I richiami agli anni ’70 sono meno evidenti, più intensa è invece l’atmosfera che permea tutto quello che è un concept ispirato ai racconti di H.P.Lovecraft (apertura e chiusura sono un tributo al seminale “Alle montagne della follia”). Il collegamento con il solitario di Providence arriva, infatti, con la scelta di sonorità più malinconiche e notturne, peraltro già presenti in pezzi come “Heartbreak City”, dal precedente “Riding A Black Swan”.

La band mostra maturità e capacità di trasformazione notevoli, sfornando un lavoro forse non abbastanza orrorifico da “giustificare” appieno le citazioni, ma sicuramente di grandissima qualità e di altrettanto coinvolgimento, imperniato come sempre sulla chitarra di Ryan Roxie e sull’ottima interpretazione di Anders Ljung. Difficile isolare un solo episodio in un album che, a differenza del precedente, non ha cedimenti di sorta, si tratti della nostalgia struggente di “My Shadow Out Of Time” o della furia di “Name Rank Serial Killer”, passando per i richiami ai Cheap Trick evidenti nella title track, e che alleggeriscono un po’ l’atmosfera. L’incipit e il riffing minaccioso dell’intrigante “Enter The Mountains” servono a contestualizzare il tutto in un orizzonte sonoro sinistro e a presentarci la nuova veste dei Casablanca, che trovano la perfetta chiusura del cerchio nella sconsolata “Exit The Mountains”. Il singolo “Closer” riprende nelle sonorità di chitarra e nell’uso dell’hammond i Deep Purple del periodo d’oro, in “RE: Old Money” e “Sister” invece il riferimento musicale principale sono gli Hanoi Rocks più malinconici e meno spensierati.

Un album sorprendente per la direzione presa, la conferma del grandissimo talento di Ryan Roxie – non più semplicemente “il chitarrista di Alice Cooper”, ma soprattutto di una band solida e capace di scrivere ed interpretare grande musica, in un viaggio sempre più personale ed originale.

Voto recensore
8
Etichetta: Despotz Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. Enter the mountains
02. Closer
03. This is Tomorrow
04. My Shadow out Of time
05. RE: Old Money
06. Sister
07. Name Rank Serial Killer
08. Miskatonic Graffiti
09. She Was the One
10. Exit the Mountains


Sito Web: http://www.facebook.com/casablanca

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. ANDY

    …..grande album questo!!!!….e’ davvero un peccato che sia un po sottovalutata questa, come band svedese….il talento c’e’ fin dagli esordi ed e’ notevole….ogni loro album ha un suo perche’!!!

    Reply

Rispondi a ANDY Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login