Dare – Recensione: Calm Before The Storm 2

Uscito quattordici anni fa (sembra ieri), “Calm Before The Storm” è, nella discografia dei Dare, l’album che senza dubbio si avvicina maggiormente alla magia elettroacustica dell’esordio “Out Of The silence”.  Quel che incuriosisce, rispetto a quello che si presenta, oggi, come il settimo lavoro in studio della band capitanata da Darren Wharton (reduce dalla rimpatriata con i vecchi e nuovi compagni nei Thin Lizzy), dato per certo il valore assoluto dei singoli episodi, è il motivo che ha spinto a ri-registrarli e ri-assemblarli.

La risposta, per fortuna, è proprio nella musica: tasselli che compongono un’atmosfera rarefatta, perfetta per l’intimismo di cui Wharton è uno degli interpreti più preziosi in campo melodic rock. E proprio dall’intimismo conviene partire per capire il senso di questa release. Che accentua appunto quest’aspetto, e lo fa fondamentalmente grazie ad una produzione che privilegia le sonorità più calde e ad un lavoro eccezionale alla chitarra di Richie Dews (originariamente all’elettrica c’era Andrew Moore), che con Wharton condivide buona parte del merito per la riuscita dell’album e per la resurrezione dei Dare seguita allo iato dopo “Blood From Stone”.

I fan della band riconosceranno qualche piccolo cambiamento nei primi quattro pezzi, invero piuttosto simili alle rispettive versioni originali. Del resto si tratta di quattro tracce praticamente perfette, che pure acquistano nuovo fascino in una veste che ne sottolinea in particolare i passaggi acustici e la coralità. “Precious” è un inedito che ben si armonizza con il resto dell’album, pur non entusiasmando. Da questo punto in poi anche le nuove versioni dei pezzi già presenti nel 1998 variano in maniera più sensibile, con risultati altalenanti: se “Silence Of Your Head” convince poco “Rescue Me” diventa davvero splendida, il lavoro di Dews semplicemente strepitoso. E qui, inoltre, il collegamento con le sonorità dell’album di debutto si fa palpabile, con relativa pelle d’oca. Il discorso prosegue con “Ashes” e “Rising Sun”, impreziosite da chorus emozionanti e vivi, grazie anche al contributo della voce di Sue Quinn. “Cold Wind Will Blow” è l’altro inedito del lotto, a “discapito” della cover di “Still In Love With You” presente nell’originale “Calm Before The Storm”: anche in questo caso ci si trova davanti ad un pezzo emotivamente in linea con gli altri, ma che manca di mordente. L’afflato epico di “Deliverance” vive, nella sua nuova veste, sull’eco di un manto di tastiere e chiude in maniera efficace il viaggio.

Oltre al valore assoluto della musica proposta, l’uscita di “Calm Before The Storm 2” rimarca il ritorno alle origini della band: questo, unito al rientro in sede live del grande Vinny Burns, non possono che riscaldare il cuore a chi li ha sempre ammirati ed amati.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Legend Records

Anno: 2012

Tracklist:

01. Walk On The Water
02. Someday
03. Calm Before The Storm
04. Crown Of Thorns
05. Precious
06. Silence Of Your Head
07. Rescue Me
08. Ashes
09. Rising Sun
10. Cold Wind Will Blow
11. Deliverance


Sito Web: http://www.myspace.com/daredarrenwharton

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login