Brainstorm – Recensione: Scary Creatures

I Brainstorm non si spostano di un millimetro. Pionieri del power metal più classico, quadrato ed energico, i tedesconi arrivano addirittura al traguardo dell’undicesimo disco in carriera, dal titolo “Scary Creatures”. I nostri hanno toccato il picco compositivo nel 2008, con lo splendido ed irresistibile “Downburst”, ma nel prosieguo degli anni non sono più riusciti a riconfermarsi su quei livelli.

I Brainstorm non si fanno scalfire dal tempo che passa e vanno avanti grazie all’esperienza, sfornando dischi in serie abbastanza canonici, inattaccabili dal punto di vista della produzione e della composizione, ma davvero troppo prevedibili e telefonati. Tanta potenza, colate di metallo nei ritornelli ed un guitar riffing che strizza l’occhio a più riprese al power made in USA, come nell’opener “The World To See”. Rispetto al predecessore “Firesoul” i Brainstorm hanno quasi del tutto eliminato gli interventi orchestrali, che di tanto in tanto in passato, andavano ad arricchire i brani, fatta eccezione per la oscura title track, sicuramente l’apice di “Scary Creatures”, vicina a Circle II Circle ed Evergrey. Il resto dell’album scorre via in modo abbastanza prevedibile, alternando cavalcate quasi epiche e speed up tempo, in cui il pur bravo vocalist Andy B. Frank fatica a trovare linee vocali accattivanti, soprattutto nelle strofe. I suoi compagni di avventura non lo aiutano, pensando solo a picchiare duro.

Scary Creatures” è il classico disco dei Brainstorm. Nessun sussulto per questo lavoro che, promosso a dovere dalla AFM, farà proseliti in patria e on stage, ma che nulla aggiunge e nulla toglie ad una band che ha confermato di essere in parabola decisamente discendente e di non essere più in grado di uscire dal solito seminato. I tempi di “Downburst” sono, purtroppo, molto lontani.

 

Brainstorm Scary Creatures Cover

Voto recensore
6
Etichetta: AFM Records / Audioglobe

Anno: 2016

Tracklist: 01. The World To See 02. How Much Can You Take 03. We Are... 04. Where Angels Dream 05. Scary Creatures 06. Twisted Ways 07. Caressed By The Blackness 08. Scars In Your Eyes 09. Take Me To The Never 10. Sky Among The Clouds
Sito Web: http://www.brainstorm-web.net/

alessandro.battini

view all posts

E’ il sinfonico della compagnia. Dai Savatage ai Dimmu Borgir, passando per i Rhapsody, predilige tutto ciò che è arricchito da arrangiamenti sontuosi ed orchestrazioni boombastiche. Nato e cresciuto a pane e power degli anni ’90, si divide tra cronache calcistiche, come inviato del Corriere Dello Sport, qualità in azienda e la passione per la musica. Collezionista incallito di cd, dvd, fumetti, stivali, magliette dei concerti, exogini e cianfrusaglie di ogni tipo, trova anche il tempo per suonare in due band.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login