Suidakra – Recensione: Book Of Dowth

Importante traguardo del decimo album per i teutonici Suidakra, impegnati come sempre nel particolare mix fra melodic death metal e influssi celtico-medievali, o comunque folk. Connubio di certo non nuovo e originale, ma che ha finora regalato al gruppo guidato da  Arkadius “Akki” Antonik (voce, chitarre e tastiere) una carriera di discreto successo e notorietà, soprattutto in quei nordici ambienti, favorevoli per costituzione, si direbbe, alle derive metalliche bonariamente adatte ai contesti delle grigliate agresti, abbondantemente innaffiate da birra.

I Suidakra rispondono a questa categoria fino a un certo punto, avendo sempre preferito un approccio piuttosto serio e compassato, nonché dotato di un feeling epico e battagliero che poco ha in comune con la balera metal campestre di cui sopra.

Lo stile della band viene rimarcato positivamente anche in questo ultimo “Book of Dowth”, epica carrellata di brani tradizionalmente melodic-death, come le prime tracce, ma anche di svisate acustiche e folkish, come le ben riuscite “Biróg’s Oath” e “Mag Mell”. Album vario, anche a livello vocale, con moderato growl, voci pulite, e femal vocals, ad arricchire un piatto che già di per se è capace di offrire parecchi spunti d’interesse.

E se la parte strettamente metal del sound non riserva particolari soprese, o guizzi di genialità, assestandosi su una sufficiente riproposizione degli elementi classici che caratterizzano il genere, va dato atto ai Suidakra di saper ben padroneggiare gli strumenti folk tradizionali, che vanno a cesellare e arricchire con gusto i vari brani, senza essere eccessivi, posticci o stucchevoli. Personalmente è proprio questo il lato della band che apprezzo di più, e il paragone fra la quadrata e cupa  “The Dark Mound” con la dinamica e catchy “Stone Of The Seven Suns” è piuttosto chiaro a riguardo.

Senza dubbio i Suidakra hanno confezionato un lavoro professionale e a tutto tondo, in cui l’esperienza decennale emerge chiaramente, ribadendo la loro potenzialità di offrire, in un unico contenitore artistico, la doppia anima metal e folk, con una varietà espositiva che ne aumenta la longevità. Una conferma per i fan di lunga data e una nuova occasione per conoscere un gruppo valido e interessante.

Voto recensore
7
Etichetta: AFM Records

Anno: 2011

Tracklist:
1. Over Nine Waves 01:57
2. Dowth 2059 04:38
3. Battle-Cairns 03:36
4. Biróg's Oath 04:18
5. Mag Mell 03:19
6. The Dark Mound 05:14
7. Balor 04:41
8. Stone Of The Seven Suns 05:01
9. Fury Fomoraigh 05:42
10. Otherworlds Collide 01:42

Sito Web: http://www.suidakra.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login